21 gennaio 2021
Aggiornato 00:00
Sostenibilità ambientale

L'agricoltura biologica inquina di più di quella tradizionale

Secondo uno studio recentemente pubblicato dai ricercatori dell'Universitrà dell'Oregon sulla rivista scientifica Agriculture and Human Values, coltivare i campi su larga scala in maniera bio ha fatto aumentare le emissioni di gas serra

WASHINGTON – Sarà anche «bio» ma l'agricoltura biologica produce più gas serra di quella tradizionale, secondo uno studio recentemente pubblicato dai ricercatori dell'Universitrà dell'Oregon sulla rivista scientifica Agriculture and Human Values.

NESSUN ABBATTIMENTO DI EMISSIONI - Per Julius McGee, il dottorando in sociologia autore dell'articolo, negli ultimi 10 anni le coltivazioni biologiche su vasta scala portate avanti in 49 Stati degli Usa non hanno contribuito all'abbattimento delle emissioni. Anzi secondo i suoi risultati, il recente boom dell'agricoltura bio (che ricopre il 3 per cento delle superfici coltivate in America), sta facendo aumentare la produzione di gas serra per acro coltivato. «Le grandi domande sono cosa stiamo facendo quando passiamo da un modello agricolo tradizionale a uno biologico e quali sono le conseguenze ambientali di questa scelta», ha detto McGee. «In questo studio è evidenziato che l'industria agricola biologica è agli inizi. Fino ad ora non abbiamo constatato alcuna riduzione dei gas serra. Dobbiamo prestare maggiore attenzione su quali processi nel ciclo produttivo biologico siano effettivamente un'alternativa più sostenibile, come vorremmo che sia, e quindi ci dovremmo concentare di più su questi».

COLPA DELLA MINOR PRODUTTIVITA' - Lo studio ha utilizzato i dati sulle emissioni di gas serra agricole raccolti negli Usa tra il 2000 e il 2008 (tranne che dalla Louisiana, mentre per l'Alaska i dati partono dal 2002) incrociandoli con diverse variabili, tra cui la crescita della popolazione e l’espansione dei terreni usati per l’agricoltura. Il ricercatore ha notato che le emissioni aumentano quando l’agricoltura biologica viene realizzata su vasta scala: al posto del lavoro umano vengono impiegate macchine, che inquinano, mentre la produttività per acro è più bassa che nell'agricoltura tradizionale. Inoltre per McGee, le alte emissioni di gas serra prodotte dall’agricoltura biologica sono legate anche al fatto che a realizzare queste produzioni siano società che rispondono alle crescenti richieste dei consumatori secondo una logica di profitto e non di ecosostenibilità.