21 novembre 2019
Aggiornato 14:00
Arriva l'offerta TIM-SKY

Tim lancia #KMDIFUTURO e si accorda con Sky

Tim, che sceglie il Festival internazionale del giornalismo per il lancio di #KMDIFUTURO, un'iniziativa di comunicazione che racconta qual è il progetto per il futuro di Tim e di Telecom Italia: posare oltre 16 milioni di km di Fibra Ottica in Italia, raggiungendo il 75% delle abitazioni, e coprire oltre il 95% della popolazione con il 4G entro il 2017.

Roma (askanews) - Sarà Perugia a fare da cornice all'innovazione di Tim, che sceglie il Festival internazionale del giornalismo per il lancio di #KMDIFUTURO, un'iniziativa di comunicazione che racconta qual è il progetto per il futuro di Tim e di Telecom Italia: posare oltre 16 milioni di km di Fibra Ottica in Italia, raggiungendo il 75% delle abitazioni, e coprire oltre il 95% della popolazione con il 4G entro il 2017.

Tim lancia #KMDIFUTURO
«A conferma della sua vocazione per l'innovazione, da domani Tim lancerà il suo account ufficiale su Periscope, l'app di Twitter che permette di girare video in live streaming e condividerli in diretta con tutta la community, facendo così vivere anche a chi non sarà a Perugia le grandi emozioni del Festival", spiega una nota. L'#Ijf15 sarà soprattutto partecipazione e condivisione, che Tim amplificherà presentando un dinamico e interattivo Social Wall sul quale gli utenti potranno visualizzare in real time il live streaming delle dirette su Periscope e le conversazioni sui social attorno all'hashtag ufficiale del Festival #ijf15 e all'hashtag #KMDIFUTURO.

Accordo per la pay tv via fibra ottica tra Telecom Italia e Sky
E le novità non sono finite. Arriva la Pay tv via fibra ottica grazie alla partnership strategica tra Telecom Italia e Sky. Con l'accordo presentato oggi dall'amministratore delegato di Telecom, Marco Patuano, e dall'ad di Sky Italia, Andrea Zappia, i due gruppi puntano a fare da driver l'uno per l'altro: Sky diventa infatti strumento per la diffusione dell'ultrabroadband di Tim e, allo stesso tempo, l'accesso alle reti Telecom Italia di ultimissima generazione permette a Sky di beneficiare di una nuova piattaforma distributiva per la propria offerta di contenuti e servizi. Con questa intesa le due società compiono un passo avanti verso la cosiddetta «convergenza» tra media e tlc. Dall'accordo nasce infatti la prima offerta 'quadruple play' in Italia, che integra i servizi di telefonia fissa e mobile, di connettività a banda larga e ultralarga e i contenuti televisivi premium fruibili "any time and any where" su tutti i dispositivi connessi alla rete.

Offerte da 14 euro al mese
L'accordo con Telecom Italia rende disponibile per Sky anche su banda larga e ultralarga tutta la sua offerta di programmi, estendendo così il bacino commerciale della pay tv a potenziali abbonati residenti, ad esempio, nei centri storici delle numerose città d'arte del paese che non hanno la possibilità di installare una parabola e di accedere quindi alla migliore offerta televisiva italiana. L'offerta congiunta sarà disponibile per i clienti consumer di Tim che hanno una connessione in fibra ottica a partire da 30 fino a 100 Megabit al secondo e Adsl a 20 Megabit al secondo. L'offerta «Tim Sky» sarà proposta a partire da 14 euro al mese per chi ha già un collegamento in fibra o Adsl e da 39 euro al mese per un pacchetto quadruple play (connessione Internet fissa e mobile, voce e contenuti TV), in promozione per il primo anno.

L'accordo tra Tim e Sky ha durata pari a 5 anni, ma andrà ben oltre
L'accordo tra Telecom e Sky per portare ai clienti la programmazione della pay tv via fibra ottica ha una durata di 5 anni «ma pensiamo andrà ben oltre». Lo ha detto il numero uno di Sky Italia, Andrea Zappia, in occasione della presentazione della partnership con Telecom. «L'obiettivo - ha detto - è la crescita nella pay tv e nella banda larga. La pay tv - ha spiegato Zappia - ha enormi margini di crescita. In Gran Bretagna e in Francia ad esempio il trend è in sviluppo ma per crescere bisogna innovare. Nel presente l'esperienza televisiva sta diventando fluida, la tv è sempre più any time ed anu where. Questo ci consente di prendere un pezzo di mercato che in Italia non esiste e di svilupparlo, un mercato complementare a quello satellitare». Secondo Zappia inoltre l'accordo avrà «un impatto benefico anche sulla catena del valore perchè si riverserà sullo sviluppo dei contenuti».