12 dicembre 2019
Aggiornato 22:00
Firmato il decreto di nomina

Vittorio Conti nuovo commissario dell'INPS

Conti, ex commissario Consob, guiderà l'istituto di previdenza, dopo le dimissioni dell'ex presidente Antonio Mastrapasqua, fino a settembre, il tempo necessario per avviare la riforma della governance, su cui ci sarà un confronto con le parti sociali. ADUSBEF: «Nomina clientelare»

ROMA - Vittorio Conti è il nuovo commissario dell'Inps. Il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, ha siglato il decreto di nomina.
Conti, ex commissario Consob, guiderà l'istituto di previdenza, dopo le dimissioni dell'ex presidente Antonio Mastrapasqua, fino a settembre, il tempo necessario per avviare la riforma della governance, su cui ci sarà un confronto con le parti sociali.

ADUSBEF: NOMINA CLIENTELARE - L'eventuale nomina di Vittorio Conti a commissario straordinario dell'Inps sarebbe una scelta «clientelare». Lo sostiene il presidente dell'Adusbef, Elio Lannutti, secondo cui nominare Conti, «un banchiere che è già stato nella Consob (nella stagione del risparmio tradito), dopo aver attraversato le porte girevoli di Banca Intesa passando da Bankitalia, privo di qualsiasi esperienza nel delicato settore della previdenza, significa marchiare con il fuoco della vergogna un governo suddito delle banche».
«Le porte girevoli dei banchieri - attacca Lannutti - che sponsorizzati da governi contigui passano dalla Banca d'Italia alle banche, alle pseudoautorità vigilanti, e per i quali si trova sempre una sistemazione per appagare la loro avidità di potere, rappresentano il vero disastro per un Paese che ha continuato a rubare futuro e speranza ai giovani».
«Studieremo - aggiunge il presidente dell'Adusbef in una nota - tutte le possibili armi giuridiche, per impugnare una nomina di puro stampo clientelare».