30 novembre 2020
Aggiornato 00:00
La crisi italiana

2 milioni di famiglie non ha reddito per l'indispensabile

E' quanto emerge dalla presentazione dei risultati della prima indagine su «La percezione della crisi e il Made in Italy» realizzata da Coldiretti-Ixe' a ottobre 2013 e illustrata nel corso del Forum Internazionale dell'Agricoltura e dell'Alimentazione a Cernobbio

CERNOBBIO - Se il 42% degli italiani vive senza affanni, quasi la metà (45%) riesce a pagare appena le spese senza permettersi ulteriori lussi mentre oltre 2 milioni di famiglie (10%) non hanno oggi reddito a sufficienza neanche per l'indispensabile a vivere. E' quanto emerge dalla presentazione dei risultati della prima indagine su «La percezione della crisi e il Made in Italy» realizzata da Coldiretti-Ixe' a ottobre 2013 e illustrata nel corso del Forum Internazionale dell'Agricoltura e dell'Alimentazione a Cernobbio.

In questa situazione la famiglia è la principale fonte di welfare: il 37% degli italiani è stato costretto infatti a chiedere aiuto economico per arrivare alla fine del mese ai genitori, il 14% a parenti e il 4% ai figli. Solo il 14% si è rivolto a finanziarie o banche mentre l'8% agli amici. Spesso considerata superata, la struttura della famiglia italiana - sottolinea la Coldiretti - si sta dimostrando, nei fatti, fondamentale per non far sprofondare nelle difficoltà della crisi moltissimi cittadini.

Il 16% degli italiani - spiega ancora la Coldiretti - conosce personalmente qualcuno che per indigenza è stato costretto a rubare nel corso di quest'anno e tra questi ben due su tre (66%) ha sottratto prodotti alimentari e il 22% oggetti per i propri figli.