15 luglio 2020
Aggiornato 13:30
Hanno un tempo di combustione ridotto

UE: arrivano le sigarette anti-incendio

Obiettivo: diminuire il numero degli incendi che ogni anno a decine di migliaia vengono innescati dall'abbandono di sigarette ancora accese

BRUXELLES - A partire da giovedì i produttori di tabacco saranno obbligati a immettere sul mercato europeo solo un nuovo tipo di sigaretta detta a «bassa infiammabilità» che si spegne da sola. Obiettivo: diminuire il numero degli incendi che ogni anno a decine di migliaia vengono innescati dall'abbandono di sigarette ancora accese.

Se abbandonato la sigaretta si spegne da sola - «Una sigaretta completamente sicura non esiste. Le nuove norme che entreranno presto in vigore obbligheranno però i produttori» ad applicare questa misura per «proteggere centinaia di cittadini dal rischio di incendio», ha dichiarato il Commissario europeo alla Sanità, John Dalli. Queste sigarette hanno la particolarità di spegnersi da sole. I produttori hanno inserito un anello di carta più spesso in due punti della sigaretta. Se abbandonata, la sigaretta si spegne da sola quando raggiunge uno di questi anelli che riducono l'apporto di ossigeno: il tempo di combustione meno elevato fa diminuire il rischio di incendi. Questa misura di sicurezza è già applicata negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e nell'Unione, in Finlandia dall'aprile 2010.

Le nuove norme saranno pubblicate giovedì sulla Gazzetta ufficiale dell'UE. Spetterà in seguito alle autorità nazionali vegliare sull'applicazione della misura che concernerà le nuove sigarette immesse sul mercato. Quelle ancora in stock potranno continuare ad essere vendute. Secondo i dati disponibili per il periodo 2003-2008 nell'Ue, la sigaretta provoca più di 30.000 incendi all'anno, che causano più di 1.000 morti e più di 4.000 feriti in media. L'esperienza della Finlandia, dove il numero di queste vittime è diminuito del 43%, mostra che circa 500 vite potrebbero essere salvate nell'Ue ogni anno, secondo la Commissione.