11 dicembre 2019
Aggiornato 08:30
Camera di Commercio di Bari

Bandi CdC di Bari contributi in conto interessi e sicurezza proroga al 30 novembre

Lo stanziamento previsto per i due bandi ammonta complessivamente a 900mila euro

BARI - C’è tempo fino al 30 novembre 2011 per la presentazione delle domande relative al «Bando per la concessione di contributi in conto interessi alle PMI» ed al «Bando per la concessione di contributi per l’acquisto e l’installazione dei sistemi di sicurezza (da parte delle imprese della provincia di Bari). Lo ha deliberato stamani la Giunta della Camera di Commercio di Bari. Il termine iniziale previsto era il 31 ottobre 2011.
«Una decisione assunta per favorire la presentazione di un maggior numero di richieste. Una cinquantina le domande giunte per il bando della sicurezza, 25 quelle per i contributi in conto interessi», spiega il presidente della Camera di Commercio di Bari Alessandro Ambrosi.
Lo stanziamento previsto per i due bandi ammonta complessivamente a 900mila euro.

Bando per la concessione di contributi in conto interessi alle PMI (stanziamento ¤ 400mila)
Finalità: promuovere e sostenere l’accesso al credito con un contributo economico a fronte di finanziamenti bancari per interventi relativi a: nuovi investimenti produttivi ovvero incremento scorte aziendali, patrimonializzazione delle aziende, riqualificazione della struttura finanziaria aziendale. 400mila euro lo stanziamento, di cui ¤ 150.000,00 a favore del microcredito ovvero a fronte di finanziamenti fino ad ¤ 30.000,00. La somma di ¤ 250.000,00 è invece destinata a sostenere l’abbattimento dei tassi di interesse per finanziamenti bancari di importo compreso fra ¤ 30.001,00 ed ¤ 150.000,00.

Bando per la concessione di contributi alle imprese per l’acquisto e l’installazione di sistemi di sicurezza (stanziamento ¤ 500mila)
Finalità: garantire una maggiore sicurezza del contesto socio-economico. L’intervento, che investe nell’immediato i centri urbani, è destinato a promuovere l’attuazione, a livello locale, del Protocollo d’intesa tra Ministero dell’Interno, Confcommercio e Confesercenti in tema di sistemi videoallarme-antirapina, nei termini recepiti nei Protocolli d’intesa sottoscritti dalle competenti Prefetture con i rappresentanti provinciali delle associazioni di categoria interessate. Il contributo verrà assegnato a fronte di costi sostenuti dalle imprese per l’acquisto e l’installazione di sistemi di video-allarme antirapina, aventi le caratteristiche tecniche richieste, nella misura del 50% delle spese ammissibili. Il contributo non potrà comunque essere superiore a ¤ 3.500,00 per impresa.