20 giugno 2021
Aggiornato 14:00
Indagine della Commissione Europea presso alcune società finanziarie

Mutui: sospetto di cartello per l’Euribor

Il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) allerta i mutuatari per chiedere la restituzione degli interessi indebitamente pagati

ROMA - Il 19 ottobre 2011 la Commissione Europea ha comunicato di aver avviato il giorno precedente un'indagine ispettiva presso alcune società finanziarie per accertare l’esistenza di un cartello tra banche.
L'ipotesi dell'indagine è la violazione delle regole antitrust in particolare si teme possa essersi verificato un accordo di cartello per alterare il calcolo dell'Euribor.
L'Euribor è l'indice sul quale si calcolano gli interessi dei mutui a tasso variabile.

L'accusa è grave: false comunicazioni sui costi dei prestiti interbancari con l'obiettivo di alterare il tasso di interesse di riferimento del mercato europeo.
Se l'ipotesi su cui è stata avviata l'indagine dovesse trovare conferma vorrà dire che milioni di famiglie europee possono essersi trovate a pagare interessi eccessivi rispetto al dovuto, con un illegittimo profitto di banche e finanziarie.

Ogni anno in Italia vengono stipulati circa 400.000 mutui a tasso variabile. MDC consiglia ai sottoscrittori:
- di interrompere SUBITO il decorrere della prescrizione inviando la lettera predisposta da MDC che si trova sul sito www.mdc.it o presso tutte le sedi MDC;
- di aspettare l'esito dell'indagine. L'accusa è molto grave e deve essere verificata ed accertata dall'Antitrust Europeo;
- conservare il contratto di mutuo, da esibire per eventuale contenzioso