21 novembre 2019
Aggiornato 05:00
Credito & Impresa

Il rilancio di Cofidi Firenze

Concluso il risanamento post crack Confcommercio, approvato il positivo bilancio 2010 e rinnovato gli organi Consortili, confermando alla presidenza Marco Seracini

FIRENZE - E’ stato illustrato oggi, alla presenza del Presidente della Camera di Commercio Vasco Galgani, del Vice Sindaco ed Assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Firenze, Dario Nardella e del Presidente di Fidi Toscana, Paolo Rafanelli, il bilancio 2010 del Consorzio di garanzia collettiva fidi CO.FI.D.I., che si è chiuso con un avanzo di gestione di ¤ 23.870. Gli altri principali dati sono i seguenti:

• Patrimonio a garanzia: ¤ 6.359.750
• Garanzie prestate : ¤ 42.497.041 (corrispondenti a circa 85 milioni di euro di affidamenti bancari)
• Totale soci al 31.12.2010: 3.029 (di cui il 50% con sede nel Comune di Firenze, il 25% nella Provincia di Firenze, il 24% nelle altre Province toscane e l’1% fuori regione).

L’Assemblea dei soci riunitasi lo scorso 11 luglio, oltre ad approvare il bilancio 2010, ha nominato gli amministratori e i sindaci per il prossimo quadriennio.
Sono stati confermati il Presidente Marco Seracini, il Vice Presidente Fabio Liccioli e l’Amministratore Delegato Fabio Ceccantini. I neo eletti sono Leoniero Capecchi, e Marcello Monnecchi, entrambi affermati imprenditori.
Anche il Collegio Sindacale ha visto la conferma del suo Presidente Dott. Lorenzo Galeotti Flori e del sindaco Avv. Giampiero Cassi. Il terzo componente del Collegio sindacale è la Dott.ssa Simona Checconi.

Il Presidente Marco Seracini ha ampiamente riferito in merito all’attività svolta nell’ultimo triennio caratterizzato da una complessa operazione di risanamento del Consorzio che si era venuto a trovare in gravi difficoltà a seguito della inoculata gestione delle precedenti gestioni e del crack Confcommercio. In tale contesto COFIDI si è costituito parte civile, come parte lesa, nel procedimento penale in corso che vede coinvolti anche ex amministratori e sindaci del Consorzio.
Il Presidente Seracini ha sottolineato che «nel 2007 ci è stato affidato un Consorzio sull’orlo del fallimento e con un’immagine deturpata. Grazie al nostro rigore che ha portato ad un taglio di oltre il 60% delle spese di gestione rispetto al 2007, all’appoggio dell’intero sistema bancario e alla preziosa partnership con Fidi Toscana, oggi riconsegniamo ai soci e all’intero sistema imprenditoriale e finanziario fiorentino un efficace strumento di supporto e sviluppo per le piccole e medie imprese, tanto più necessario in una situazione di perdurante crisi finanziaria ed economica .»

E’ stata poi illustrata la nuova garanzia per i finanziamenti a breve termine concessi dalle banche ai soci di COFIDI . La garanzia copre il 60% dell’affidamento bancario (contro il consueto 50%) ed è prestata in co-garanzia da COFIDI e Fidi Toscana (ognuno per il 30%). In questo modo il Consorzio è in grado di fornire ai propri soci una maggiore garanzia esponendo il proprio patrimonio a minori rischi.

Infine il Presidente Seracini ha annunciato la creazione di un network tra le 3.000 imprese socie, in modo da favorire la conoscenza reciproca e le possibilità di business, anche tramite apposite convenzioni riservate ai soci. «Il nostro vero patrimonio – ha concluso Seracini – è quello umano e imprenditoriale costituito dai nostri soci, tessuto sociale ed economico del nostro territorio, e vogliamo favorirne lo sviluppo non solo facilitando l’accesso al credito ma anche stimolando possibili sinergie.»