7 luglio 2020
Aggiornato 11:30
Coldiretti Veneto

Origine in etichetta: una legge liberale per l'intera collettività

ROMA- «Una legge liberale, per tutta la collettività«– commenta Giorgio Piazza Presidente di Coldiretti Veneto dopo l’ok definitivo ed unanime da parte della commissione agricoltura della Camera del Disegno di Legge sull’etichettatura, che rende obbligatoria l’indicazione dell’origine sui prodotti.
«Oltre a rappresentare, per il consumatore, una bussola geografica nel mappamondo agroalimentare – continua Piazza - il provvedimento apre uno scenario giuridico assolutamente innovativo: tutto ciò che non è conforme a quanto dichiarato in etichetta viene equiparato alla pubblicità ingannevole, mentre possono essere fornite indicazioni di carattere salutistico. Per capire la portata della normativa – spiega Piazza - basti pensare che se una confezione rappresenta in etichetta un frutto, per esempio una pesca, lo deve contenere. E se c'è un tricolore, il contenuto dev'essere di produzione nazionale. E così via. Finora la cosa era tutt'altro che scontata«