23 aprile 2024
Aggiornato 01:30
Crisi

Berlusconi: Ancora rischi sfiducia mercati per Italia

"Noi lavorato bene,delitto aprire strada a instabilità politica"

Gubbio, 11 set  - Il governo "ha lavorato tanto" per "mettere i conti pubblici in sicurezza" e per "rassicurare i mercati". "Ma non ci scordiamo mai che l'Italia potrebbe correre il rischio di una sfiducia, anche magari solo parziale, sui mercati". Ad affermarlo è stato il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, intervenendo con una telefonata alla Scuola di Gubbio. "Noi - aggiunge - ci ricordiamo sempre che l'Italia deve rimanere fra i protagonisti della politica mondiale. Abbiamo la coscienza pulita, abbiamo lavorato bene, messo in conti pubblici in sicurezza, con la manovra di luglio abbiamo rassicurato i mercati".

Secondo il premier, quindi, "sarebbe un delitto compromettere quello che abbiamo fatto aprendo la strada all'instabilità politica".