23 giugno 2024
Aggiornato 11:00
Auto | FIAT

Marchionne: è stato fatto un passo avanti

L'ad della FIAT si dice «abbastanza» soddisfatto dell'accordo con i sindacati sullo stabilmento di Pomigliano d'Arco: «Bisognerà chiudere il discorso»

VENEZIA - L'amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, si è detto «abbastanza» soddisfatto del risultato della trattativa con i sindacati sullo stabilimento di Pomigliano d'Arco che ha visto tutte le sigle concordi tranne la Fiom. Da Venezia dove ha partecipato al consiglio per le relazioni Italia-Usa, Marchionne ha sottolineato: «E' un passo avanti, poi bisognerà chiudere il discorso. Si sarebbe creato un grandissimo problema se ieri sera si chiudeva male, sia per loro che per noi».

QUESTIONE DI OROLOGI - Sulla consultazione tra il lavoratori dello stabilimento di Pomigliano, rispondendo ai cronisti Marchionne ha precisato: «Se i lavoratori non vogliono l'investimento basta che ce lo dicano».
Marchionne ha aggiunto: «E' una esperienza straordinariamente unica ma con quante entità bisogna trovare l'accordo per dare lavoro a cinque mila persone? Non è mai successo in altri paesi che si trasferisca la produzione dall'estero». Ai giornalisti che chiedevano come si fa a far funzionare bene Pomigliano, Marchionne ha concluso: «Massimizzando la produttività e facendoli lavorare con gli orologi svizzeri».