7 giugno 2020
Aggiornato 00:00
Superficie espositiva in crescita del 23%

Veronafiere capitale della green economy

Dal 5 al 7 maggio a Veronafiere Solarexpo e Greenbuilding, due fiere all’insegna dell’economia verde

VERONA - Veronafiere punta al futuro pensando all’ambiente attraverso rassegne nella quali innovazione e ricerca sono le parole d’ordine. Solarexpo, Greenbuilding, Progetto Fuoco, Legno Edilizia e BioEnergy Expo sono alcune delle manifestazioni, annuali e biennali, nel portafoglio di Veronafiere sul tema della green economy, della quale l’Ente è la capitale fieristica europea. Le prime due, interamente dedicate alle energie rinnovabili e alle forme di architettura sostenibile, sono in programma da domani mercoledì 5 a venerdì 7 maggio e si presentano con un forte aumento della superficie espositiva, in crescita del 23% sul 2009.

«Nel complesso questo pool di rassegne registrano 300.000 visitatori e 2.500 espositori su una superficie di 200.000 metri quadrati. Il 30 % degli espositori è costituito da operatori esteri, professionisti che si incontrano a Verona per discutere su un tema imprescindibile con il quale tutti i settori, anche quello fieristico, si devono confrontare per assicurare un maggior rispetto dell’ambiente insieme alla crescita della nostra economia», ha sottolineato il direttore generale, Giovanni Mantovani, che il prossimo 7 maggio, nell’ambito di Solarexpo, riceverà dalla Fondazione Univerde e IPR Marketing un riconoscimento per l’impegno profuso in questi anni dall’Ente di viale del Lavoro a favore delle questioni ambientali.

Solarexpo, dopo undici edizioni, si conferma dunque la manifestazione leader in Europa per lo sviluppo del mercato delle nuove tecnologie relative all’energia solare, bioenergie e altre fonti rinnovabili. Greenbuilding, nata quattro anni fa, è il punto di riferimento del mercato per promuovere un’edilizia ecocompatibile, in accordo con le nuove tendenze del costruire a livello internazionale. Al centro del dibattito di Solarexpo, i green job valorizzano le nuove figure professionali che fanno della sostenibilità la chiave del loro successo: un segnale tangibile di quanto la logica verde possa influenzare la nuova economia.

Progetto Fuoco e Legno Edilizia, nel panel del portafoglio diretto delle rassegne proposte da Veronafiere, confermano sensibilità e attenzione da parte dell’Ente rispetto all’impiego di materiali naturali: due appuntamenti a cadenza biennale che aggiornano sulle novità riguardanti l’utilizzo del legno (e dei derivati delle biomasse) come combustibile e quale materiale da costruzione. A queste si aggiunge BioEnergy Expo, il salone che Fieragricola dedica alle bioenergie, in particolar modo al biogas.

Veronafiere si ispira alla logica green grazie anche ad interventi mirati: se i contenitori eco-friendly, etichette in carta riciclata, tappi a vite o in vetro, la raccolta differenziata e il riciclo sono ogni anno protagonisti di Vinitaly; così l’utilizzo della pietra nella moderna architettura è il leit motiv di Marmomacc, mostra internazionale di marmi, pietre, design e tecnologie e leader mondiale del settore.
Un’attenzione che si conferma anche nelle infrastrutture: sono stati investiti oltre 7 milioni di euro da Veronafiere per la costruzione del nuovo Padiglione 1 con impianti fotovoltaici che sfruttano forme di energia eco-compatibili, inaugurato nel marzo 2009.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal