8 dicembre 2019
Aggiornato 13:30
CdC di Bari

La Murgia tra tradizione e innovazione

Dalla Tecnomec Engeneering alle ippovie: la giunta itinerante ha approvato progetti per la valorizzazione di prodotti ed eccellenze

BARI - Le ippovie, itinerari turistici da percorrere a cavallo, come nuovo strumento di promozione e conoscenza del territorio barese, delle tipicità agroalimentari e di valorizzazione della razza murgese. E’ l’obiettivo di un progetto che verrà sostenuto dalla Camera di Commercio di Bari, approvato dalla giunta dell’ente che si è riunita ieri nella innovativa forma delle giunte itineranti, presso l’azienda Tecnomec Engeneering a Grumo Appula. La giunta ha anche approvato un progetto per la promozione dei prodotti agroalimentari delle provincia di Bari a Cuba finalizzato ad aumentare la presenza degli stessi sul mercato cubano attraverso un piano di pubblicità e comunicazione, di commercializzazione presso ristoratori, stampa e opinion leader ed il trasferimento di buone pratiche di filiera.

«Le giunte itineranti – spiega il presidente dell’ente Luigi Farace - servono a ribadire la presenza capillare della Camera di Commercio sul territorio e a valorizzare le eccellenze produttive. La Tecnomec, un’azienda meccanica altamente innovativa che opera con successo anche nelle energie alternative, sorge in un territorio di grande tradizione storica, e pertanto custode di un patrimonio da valorizzare sempre di più in chiave turistica, adesso anche con le ippovie. Un tempo percorrere a cavallo dei cavalli murgesi i pietrosi tratturi che collegavano l’Alta Murgia e la Murgia dei Trulli era una questione di necessità. Oggi può divenire un piacere. L’equiturismo si va affermando da qualche tempo e ha dato vita alle ippovie, itinerari attrezzati per la sosta dove il cavaliere e il cavallo possono trovare assistenza, ristoro e la possibilità di pernottare e che e che consentono così di intraprendere un viaggio a tappe di più giorni. Per questa ragione l’ente ha deciso di sostenerlo nella convinzione che tutte quelle iniziative che creano sistema intorno al prodotto terra di Bari, in una visione intersettoriale, vadano accolte e promosse, proprio per la loro capacità di fare sviluppo ad ampio raggio».

La Tecnomec Engeneering di Carlo Maria Martino svolge attività di progettazione di impianti civili e industriali, fornisce e prefabbrica tubazioni, materiali di carpenteria e caldareria, realizza sistemi di montaggio meccanici. Il tutto nel campo chimico, petrolchimico, petrolifero e della produzione di energia. Fra i suoi clienti conta il Gruppo Eni (Agip e Snam in particolare), la Tec Int, la General Electric (con il Nuovo Pignone), Enel, Ansaldo e lavora non solo in Italia, grazie a una serie di certificazioni che permettono alla Tecnomec di garantire un’elevata qualità nei servizi, anche in termini di sostenibilità ambientale. Europa, Russia, Arabia Saudita, Canada sono i mercati di riferimento. Fra le ultime commesse portate a compimento: due impianti di dissalazione interamente costruiti in Puglia e trasportati via mare e rimontati a Dubai e un intervento piuttosto corposo in Kazakistan. La Tecnomec ha due stabilimenti, uno a Grumo Appula e l’altro a Taranto, nell’area ex Belleli. Circa 500 dipendenti complessivi, tutti operai specializzati.