4 aprile 2020
Aggiornato 17:00
Industria alimentare

Per la Barilla nessuna quotazione in agenda

Paolo al Financial Times: tra 20 anni vorrei un'azienda più forte

ROMA - La famiglia Barilla preferisce un'azienda più forte e stabile a una forte espansione. Dunque «una quotazione non è in agenda». È quanto emerge dal colloquio di Paolo Barilla, il più giovane dei tre fratelli che dirigono il gruppo nato a Parma nel 1877, con il quotidiano inglese Financial Times.

«Tra 20 anni vorrei una Barilla più forte, sana e sicura», afferma Paolo sottolineando che «se sarà tutte queste cose, sarà grande abbastanza». Quello della pasta, spiega Barilla, è un business con margini molto stretti. La pasta è un prodotto a basso costo: «Non consiglierei a nessuno - dice - di entrare nel nel business della pasta a meno che non abbia una forte inclinazione verso la disciplina».

Pessimismo poi sulle previsioni economiche per il prossimo futuro: secondo Paolo Barilla la ripresa dei consumi non ci sarà fino al 2012.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal