12 dicembre 2019
Aggiornato 19:00
Industria automobilistica

Indiane Tata e M&M puntano a Termini Imerese

Lo riporta il quotidiano finanziario indiano Business Standard. Trattative esplorative ma cruciali per le strategie dei due gruppi con la FIAT

ROMA - I gruppi automobilistici indiani Tata Motors e Mahindra & Mahindra (M&M) sono interessati a rilevare l'impianto Fiat di Termini Imerese. Lo riporta il quotidiano finanziario indiano Business Standard, citando «alti funzionari al seguito del ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola», secondo cui i due gruppi avrebbero avviato trattative con la casa del Lingotto.

A livello ufficiale Scajola ha precisato di non essere a conoscenza di trattative, aggiunge il quotidiano nell'edizione online. Si tratterebbe per ora di negoziati «esplorativi», che tuttavia «sono cruciali mentre Tata e M&M sono emersi come player rilevanti nell'intenso mercato dell'auto dell'Italia - aggiunge Business Standard - specialmente dopo che le compagnie cinesi hanno puntato la loro attenzione a cercare un accordo con Fiat». No comment sulle indiscrezioni da parte delle sue case automobilistiche del sub continente.

Quanto a Fiat, di recente ha ridotto i livelli di produzione per allinearsi all'indebolimento della domanda, si legge, e messo migliaia di lavoratori in cassa integrazione. Manovre analoghe sono improbabili per le sue attività in India, rileva ancora il Business Standard, dopo che la produzione di auto e motori è stata consistentemente aumentata, mentre negli ultimi due anni il gruppo torinese ha lanciato diversi nuovo modelli.