13 novembre 2019
Aggiornato 17:30
Industria alimentare

La Kraft deve formalizzare l'offerta su Cadbury o farsi da parte

Oggi scade il termine imposto dal take over panel dalle autorità britanniche

LONDRA - Oggi per l'americana Kraft scade il termine imposto dalle autorità britanniche per formalizzare un'offerta sul produttore di dolci Cadbury, o farsi da parte per sei mesi. Secondo il Financial Times sempre oggi si riunisce il Cda di Cadbury e la dinamica dell'operazione dovrebbe diventare «ostile», ovvero non si troverebbe un'intesa sull'offerta tra il gruppo Usa e quello britannico.

OFFERTA DI 11.4 MLD - Nei mesi scorsi il gigante alimentare di oltre atlantico aveva avanzato una proposta che complessivamente valorizza Cadubury 11,4 miliardi di euro. Ma secondo la società Gb - famosa nel Regno per le sue cioccolate Dairy Milk, e che ha recentemente rivisto in meglio le sue previsioni di crescita - si tratta di una cifra troppo bassa. Proprio su sollecitazione di Cadbury, successivamente è intervenuto il take over panel, autorità britannica che vigila sulle operazioni di fusione e acquisizione, imponendo per oggi un termine per Kraft per rompere gli indugi con una proposta formale, oppure non far nulla per sei mesi, salvo che emerga un'offerta rivale.

Inizialmente Kraft aveva proposto di rilevare Cadbury pagando 300 pence per azione in contanti più 0,2589 di sue azioni di nuova emissione. A suo tempo questo corrispondeva a circa 745 pence per ogni azione Cadbury, ed era una cifra già ritenuta basa dal gruppo Gb, ma oggi, a seguito di fluttuazioni del titolo Kraft, questa stessa offerta varrebbe 720 pence per azione, riporta l'Ft. «Più bassa sarà la proposta, meno tempo ci vorrà per una riposta», ha riferito una fonte del gruppo Gb, sottintendendo che sarebbe una riposta negativa. Negli scambi mattutini a Londra le azioni Cadbury si attestano a 764,5 pence, in rialzo dello 0,86 per cento rispetto al fixing precedente.