19 giugno 2021
Aggiornato 02:00
Credito. Marche

Fondo di solidarietà regionale, siglato l’accordo

Regione e Camera di Commercio di Ascoli stanziano più di 1,6 milioni di euro

ANCONA - La Regione Marche e la Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Ascoli Piceno hanno firmato l’accordo per l’adesione di quest’ultima al finanziamento del Fondo di Solidarietà regionale. Il documento è stato illustrato e poi siglato dall’assessore regionale alle Attività Produttive, Fabio Badiali e dal presidente della CCIAA, Ennio Gibellieri.

Con la firma dell’accordo, in aggiunta alla dotazione iniziale pari 1.240.000 di euro da parte della Regione, vengono messe a disposizione per le PMI del territorio provinciale, ulteriori 365mila euro della Camera di Commercio. Tutte le risorse concorrono alla costituzione del Fondo per la concessione di garanzie di secondo grado in favore del sistema delle PMI che versano in particolare situazione di disagio, sostenendo le operazioni di consolidamento delle passività da breve e medio termine, nonché progetti di ristrutturazione e/o riconversione aziendale delle stesse PMI. Un salvagente per le imprese del Piceno che possono indurre le banche a essere meno rigide nell’erogazione del credito, spesso negato anche per importi di modeste entità.

«Con la sottoscrizione dell’accordo – ha detto Badiali – nel rendere disponibili delle risorse finanziarie diamo la possibilità alle PMI del territorio Piceno di poter accedere al credito. E’ bene ricordare che con il fondo di garanzia sono state istruite oltre 3.600 operazioni, di cui 424 nell’area del Piceno e quasi 3.000 operazioni nelle altre province. Ancora una volta la sinergia tra le istituzioni e in particolare la stretta collaborazione con la Provincia e Camera di Commercio sono state vincenti perché si è perseguito l’obiettivo significativo di dare spinta e impulso all’economia locale».

Dello stesso avviso Gibellieri che soddisfatto dell’accordo ha sottolineato «la necessità di intervenire insieme alla Regione in maniera immediata. Scelta utile per incentivare concretamente le PMI in un momento di particolare difficoltà».