11 luglio 2020
Aggiornato 00:00
Il futuro delle case di moda sta tutto nella ricerca e nell'innovazione

Donatella Versace: «I manager? Sanno solo fare due conti»

La stilista a Grazia: «Senza creatività maison non sopravviveranno»

MILANO - Le aziende di moda non sopravviveranno senza creatività, il futuro delle case di moda sta tutto nella ricerca e nell'innovazione e non affidandosi a «cinici» condottieri «che non capiscono niente di stile e sanno solo fare due conti». Non ha dubbi Donatella Versace che, in un'intervista esclusiva a Grazia, in edicola domani, parla dei cambiamenti a cui il settore andrà incontro alla vigilia della settimana milanese della Moda.

«Il classico è noioso» - «Tra dieci anni non si troverà più niente di classico: il classico è noioso - afferma il direttore creativo e vicepresidente della maison della Medusa - Sembrerà assurdo, ma dura nel tempo solo ciò che muta e si evolve: in questo momento la gente si è abituata a mixare energie nuove, a creare connessioni e contaminazioni continue. Solo il coraggio di mettersi in gioco e di avere pochi manager, e bravi, salverà le fashion companies».

I manager? Cinici condottieri» - Proprio riguardo ai manager delle case di moda, il giudizio di Versace è severo: «Anche questo ha rovinato la moda: appoggiarsi a cinici condottieri che non capiscono niente di stile, sanno solo fare due conti e sgomitano per diventare famosi. Le aziende, senza creatività, non servono a niente».

Esistono delle eccezioni, e in proposito Versace cita due manager: «Ce n'è uno che è davvero bravissimo: Patrizio Bertelli (marito di Miuccia Prada e a.d. dell'azienda, ndr). E poi un altro manager bravo è quello che ho io oggi (Gian Giacomo Ferraris): lui crede nella moda, ed è questa la base di tutto. Leader come questi devono avere l'umiltà di capire che i numeri devono mettersi al servizio della creatività».

Tutto pronto per il ritorno di Santo Versace ad Altagamma -  Rimanendo in famiglia in base a quanto riporta il sito affaritaliani.it tutti i componenti di Altagamma sono d'accordo sulla scelta di Santo Versace per la successione a Leonardo Ferragamo.
Per l'ufficialità bisognerà aspettare novembre, ma l'accordo c'è ed è di ferro. Solo un colpo di scena potrà togliere a Versace la guida di Altagamma.