23 ottobre 2019
Aggiornato 19:30

Maggio ancora critico per i veicoli commerciali: -25,1%

Secondo ANFIA occorre affiancare agli eco-incentivi ulteriori misure più specifiche

TORINO -- Ancora un risultato negativo per il mercato italiano dei veicoli commerciali, che a maggio riporta una contrazione del 25,1% e totalizza 15.934 unità consegnate. Pur trattandosi di una flessione leggermente inferiore rispetto a quella di aprile, quando il mercato aveva chiuso a -30%, il comparto non dà segni di ripresa. Il bilancio consuntivo da inizio anno si porta a poco più di 74.900 unità, pari ad un calo del 30,9% sullo stesso periodo del 2008 (108.470 unità).

‘‘Il mercato dei veicoli commerciali vive da molti mesi una situazione decisamente critica -- ha affermato Eugenio Razelli, Presidente di ANFIA -- I risultati di segno negativo sono una costante ormai da tredici mesi e le contrazioni a due cifre proseguono ininterrotte dall’agosto scorso. Occorre affiancare agli eco-incentivi in vigore ulteriori misure più specifiche per questo comparto, come l’estensione degli incentivi stessi anche ai contratti di renting e l’introduzione di ammortamenti anticipati, altrimenti è probabile che questo trend negativo ci accompagni ancora per parecchio tempo, con gravi conseguenze per tutto il comparto’’.

MARCHE NAZIONALI - Le marche nazionali hanno chiuso a -28,9%, sfiorando le 8.390 unità consegnate nel mese. Nei primi cinque mesi del 2009 le consegne complessive ammontano a quasi 38.690, con una flessione 33,9% al confronto con i primi cinque mesi del 2008. FIAT PROFESSIONAL ha totalizzato nel mese 6.578 unità consegnate, riportando una contrazione del 30,9% su maggio 2008, ma confermando la propria leadership con una quota di penetrazione del 41,3%, pari a 1,7 punti in più rispetto al mese scorso (la quota di aprile 2009 era 39,6%). Nel consuntivo da inizio anno il totale delle consegne si attesta a poco meno di 30.100 (-36%) e la quota di mercato è del 40,2%.

Ancora in forte crescita i veicoli ‘‘Natural Power’’ dotati di doppia alimentazione metano/benzina, che superano il 16% degli ordini della marca. Tra i modelli più venduti nel mese Panda Van NP (con oltre 250 unità) e Doblò Cargo NP (circa 300 ordini nel mese). Proprio a partire da maggio, inoltre, è stato introdotto sul mercato il nuovo Ducato Natural Power che, con i suoi 136 CV e 400 km di autonomia, garantisce ottime prestazioni con costi di gestione assai ridotti. Con 1.277 consegne nel mese, IVECO, per il secondo mese consecutivo, è riuscita a contenere la caduta delle vendite al di sotto del 30%, in controtendenza rispetto al suo mercato di riferimento. In una situazione fortemente critica, che risente ancora dell'attuale debolezza dello scenario economico, la flessione riportata a maggio 2009 si è infatti mantenuta sullo stesso livello di aprile, attestandosi a -28%, contro un crollo del mercato superiore al 43% nel segmento di riferimento (autocarri e furgoni medi/grandi).

A seguito di tali risultati, nel consuntivo da inizio anno le consegne ammontano a 6.200, con un contenimento della flessione a -32,7% e, soprattutto, con un miglioramento della quota di mercato nel segmento di riferimento: dal 19,6% del 2008 al 23,2% del 2009. Grazie alla qualità del prodotto e alla consolidata capacità di articolare azioni commerciali specifiche per le variegate esigenze della propria clientela, Iveco dimostra di saper reagire a un mercato sempre più difficile e sempre più competitivo.

Sale a 533 unità consegnate il risultato di Piaggio Veicoli Commerciali a maggio 2009, che registra un +3,5% rispetto allo stesso mese del 2008. Continua dunque con regolarità il trend di crescita dei veicoli commerciali dell’azienda di Pontedera: nei primi cinque mesi del 2009 la crescita delle vendite è pari al +4,8% (2.395 unità consegnate). Il risultato in controtendenza si deve alla capacità dei veicoli Piaggio di rispondere alle attuali esigenze di mercato: Piaggio Porter, recentemente rinnovato nei contenuti e nel design, amplia infatti la clientela grazie all'articolata offerta di configurazioni e alle motorizzazioni ecologiche bi-fuel a GPL e Metano ed elettriche, che rappresentano oltre il 75% delle unità vendute da Piaggio Veicoli Commerciali.

Passando all’analisi delle consegne per segmenti nei primi cinque mesi dell’anno, le consegne complessive di VAN ammontano a 9.862 unità, pari a un calo del 34% rispetto ai primi cinque mesi del 2008. Per Fiat Professional la flessione risulta appena più contenuta (-31%) e la quota di mercato sale ancora di 3,4 punti, raggiungendo il 77,2% nel segmento in questione. Per il segmento dei PICK UP la contrazione da inizio anno è del 16,7%, per un totale di 6.930 unità consegnate. A dispetto della perdita in termini di volumi, le marche nazionali conquistano 5,6 punti di quota rispetto a fine maggio 2008 e confermano così il 43,7% già riscontrato a fine aprile. Sempre in controtendenza, Piaggio raggiunge il 31,2% di quota nel segmento, pari a 7,2 punti in più rispetto allo scorso anno. Passando al segmento delle FURGONETTE, che riporta il minor calo, il consuntivo delle consegne nei cinque mesi è di 21.850 unità, pari al -8% rispetto al corrispondente periodo del 2008.

Per i FURGONI PICCOLI la flessione registrata è invece del 33,9%, mentre i volumi delle consegne sfiorano le 9.600 unità. La quota di Fiat Professional in questo segmento cala di appena 1,4 punti, mantenendosi al 31,2% contro il 32,6% dello scorso anno. La contrazione più marcata è quella che interessa gli AUTOCARRI E FURGONI MEDI/GRANDI, per i quali le consegne calano del 43,2%, per un totale di 20.270 unità in meno rispetto a fine maggio 2008, quando la quota detenuta da questo segmento sul mercato nel suo complesso era del 43,3% contro l’attuale 35,6%. Come già a fine aprile, le marche nazionali perdono 1,4 punti di quota e si mantengono al 53,5%. Iveco, invece, presente esclusivamente in questa fascia di mercato e nonostante il calo dei volumi, conquista 3,6 punti di quota raggiungendo il 23,2%.