28 maggio 2020
Aggiornato 20:30

La benzina sfiora 1,3 euro al litro

Per ADOC con taglio di 20 centesimi possibile risparmio a fine anno di 180 euro

La verde torna a volare e sfiora 1,3 euro al litro. Per Adoc il caro carburanti incide pesantemente sull'economia delle famiglie e sul prezzo finale dei prodotti alimentari, è urgente un taglio di 20 centesimi.

«E' in sospeso dal luglio scorso la promessa di una riduzione delle accise e del blocco dell'Iva sui carburanti da parte del Governo, ma ad oggi nulla è accaduto - dichiara Carlo Pileri, Presidente dell'Adoc - la diminuzione del potere d'acquisto, come testimoniato anche dall'Ocse, deriva anche dalle forti speculazioni in atto sui carburanti, che si ripercuotono sui prezzi dei prodotti alimentari, di cui la maggior parte vengono trasportati su gomma. Oggi l'Istat ha registrato un crollo delle vendite dei prodotti alimentari del 5,6%. Un calo che è diretta conseguenza delle speculazioni sul costo dei carburanti, che fanno salire il prezzo finale dei prodotti alimentari. Inoltre, sul prezzo finale dei carburanti gravano anche tasse tra le più alte d'Europa. Un intervento che potrebbe risollevare le sorti dei consumatori sarebbe il taglio di 10 centesimi sia delle tasse che del prezzo del prodotto industriale ad opera dei petrolieri, per complessivi 20 centesimi. In questo modo il risparmio alla fine dell'anno per il singolo automobilista sarebbe di 180 euro l'anno solo per i carburanti. Considerando l'incidenza del taglio sugli alimentari, potrebbe esserci un'ulteriore riduzione del 18% sul prezzo di questi ultimi, per un risparmio a fine 2009 di altri 200 euro circa.»

Per l'Adoc, tagliare le vecchie accise comporterebbe un risparmio diretto di 360 euro l'anno per i consumatori possidenti un'auto a benzina.

«Sul prezzo finale dei carburanti gravano anche, per oltre il 50%, le tasse, accise e Iva - continua Pileri - molte delle accise furono introdotte in seguito ad eventi eccezionali e temporanei, come la guerra di Abissinia del 1935. Nonostante il cessare della situazione straordinaria, le tasse non sono state abolite. Con il risultato che oggi siamo costretti a pagare un balzello di 0,30 euro, Iva compresa, per situazioni che hanno avuto la loro fine anche 70 anni fa. Con un taglio delle accise chi possiede un'auto a benzina spenderebbe in media 360 euro in meno su base annua, mentre con un'auto a gasolio si risparmierebbero 180 euro l'anno.»

Accise introdotte in Italia
* 1,90 lire per la guerra di Abissinia del 1935;
* 14 lire per la crisi di Suez del 1956;
* 10 lire per il disastro del Vajont del 1963;
* 10 lire per l'alluvione di Firenze del 1966;
* 10 lire per il terremoto del Belice del 1968;
* 99 lire per il terremoto del Friuli del 1976;
* 75 lire per il terremoto dell'Irpinia del 1980;
* 205 lire per la missione in Libano del 1983;
* 22 lire per la missione in Bosnia del 1996;
* 0,020 euro per rinnovo contratto autoferrotranvieri 2004.
* Totale accise = 0,25 euro (+ Iva su accise di 0,05 euro = 0,30 euro)

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal