20 ottobre 2019
Aggiornato 02:30

Aprile a -30% per i veicoli commerciali

ANFIA ribadisce la necessità di misure a sostegno del credito per l’acquisto dei veicoli

TORINO -- Il mese di aprile chiude a -30% per il mercato dei veicoli commerciali, per un totale di 15.620 unità consegnate. La flessione registrata torna quasi sugli stessi livelli di novembre 2008, confermando la situazione di difficoltà che da mesi investe il comparto. ‘‘Purtroppo gli eco-incentivi sembrano non essere sufficienti per far ripartire il mercato -- dichiara Eugenio Razelli, Presidente di ANFIA.

Secondo l’inchiesta semestrale ISAE sugli investimenti delle imprese manifatturiere ed estrattive, le imprese del campione che hanno effettivamente svolto o programmato attività di investimento nel triennio 2007-2009 prevedono una netta contrazione della spesa nel corso del 2009. Sarebbe opportuno prevedere misure più mirate alla particolare tipologia di acquirenti di questi veicoli, ovvero gli operatori professionali, per esempio intervenendo sul problema dell’accesso al credito -- per il quale ci auguriamo venga presto varato il decreto attuativo delle modalità di intervento della Sace a sostegno dell’acquisto dei veicoli incentivati -- ed estendendo gli incentivi stessi anche ai contratti di renting’’.

Per le marche nazionali la flessione nel mese è stata del 35,1%, per un totale di circa 8.100 unità consegnate. Anche nel consuntivo da inizio anno si registra un calo del 35,1% sui primi quattro mesi del 2008 e il totale delle consegne ammonta a 30.300 unità.

FIAT PROFESSIONAL ha sfiorato le 6.200 consegne nel mese, con una contrazione del 38,5% rispetto ad aprile 2008, ma si conferma leader sul mercato italiano con una quota del 39,6%. Nei primi quattro mesi dell’anno il totale delle consegne ammonta a circa 23.500 unità (-37,3% rispetto allo stesso periodo del 2008) e la quota di penetrazione sfiora il 40%. Si confermano in forte crescita gli ordini di veicoli ‘‘Natural Power’’ dotati di doppia alimentazione metano/benzina che, complici anche gli incentivi governativi, realizzano un incremento del 60% rispetto ad aprile 2008. Tra i modelli preferiti dai clienti, Panda Van NP (con circa 250 unità) e il Doblò Cargo NP (oltre 450 ordini nel mese).

Con 1.424 consegne nel mese, prosegue per IVECO il contenimento delle perdite, che in aprile si attestano a -27,7% rispetto allo stesso mese del 2008, con un incremento delle consegne del 7% al confronto con marzo di quest’anno. Iveco migliora così la sua quota di penetrazione -- che passa dall’8,8% al 9,1% -- e consolida le proprie posizioni nei segmenti di fascia alta dei veicoli commerciali (che rappresentano circa il 40% della domanda), in cui il marchio italiano è storicamente leader. Il miglioramento del trend in aprile porta il consuntivo da inizio anno ad oltre 4.900 unità, contenendo così la flessione al 33,9% e incrementando la quota di mercato nel segmento di riferimento.

Tenendo conto dell'attuale debolezza dello scenario economico, la flessione del 27,7% registrata ad aprile contro una media del 36% nel 1° trimestre, conferma l’inversione di tendenza rispetto al mercato evidenziata fin da inizio anno.

PIAGGIO Veicoli Commerciali ha raggiunto nel mese di aprile le 520 unità consegnate, con una crescita del 6,1 % rispetto allo stesso mese del 2008. Si conferma, quindi, il trend positivo in atto da inizio anno (+5,1% nei primi quattro mesi del 2009) in controtendenza rispetto all’andamento del mercato. Fondamentale, in questo contesto congiunturale, il contributo fornito dalle motorizzazioni ecologiche elettriche e bi-fuel a GPL e a Metano, che raggiungono il 73% del mix venduto. Sulla scia di questi risultati, a fine aprile Piaggio ha lanciato una versione rinnovata di Porter che, pur non incidendo ancora in maniera significativa sulle consegne, ha suscitato grande interesse da parte della clientela. Per un più approfondito esame della composizione della domanda dei veicoli commerciali leggeri, da questo mese in poi ANFIA propone mensilmente l’analisi delle consegne classificate per segmenti di prodotto, commentando i dati del cumulato 2009. Il mercato dei veicoli commerciali leggeri nei primi quattro mesi di quest’anno ha evidenziato complessivamente una flessione del 32,4%, ma per i singoli segmenti si sono registrati andamenti diversi.

Le consegne complessive dei VAN hanno interessato circa 7.800 veicoli, con un calo del 33,9% rispetto allo stesso periodo del 2008. Leggermente più contenuta la contrazione per Fiat Professional (-30,2%), che ha guadagnato ben 4 punti di quota raggiungendo il 75,9%, a conferma dell’indiscussa leadership detenuta in questo segmento.

Con 5.450 unità consegnate da inizio anno, la flessione per i PICK UP si attesta al 19,6%. Nonostante il calo in termini di volumi, le marche nazionali migliorano di 5,4 punti la quota nel segmento portandosi al 43,7%. In netta controtendenza Piaggio, che balza al 30,9% di quota guadagnando 7,8 punti rispetto allo scorso anno. Il calo meno marcato si registra nel segmento delle FURGONETTE (-11,7%), con oltre 16.700 unità consegnate nei primi quattro mesi dell’anno.

Più pesante la contrazione per il segmento dei FURGONI PICCOLI. Con quasi 7.600 veicoli, si evidenzia un calo del 35,4%. Allineato con l’andamento generale del segmento, Fiat Professional riduce la presenza nel segmento di 2,8 punti, attestandosi comunque al 30,1%. Notevole rallentamento, infine, (-43,6%) anche per il segmento degli AUTOCARRI E FURGONI MEDI/GRANDI. Le consegne evidenziano un ritardo di oltre 16.500 unità rispetto allo stesso periodo del 2008, facendo scendere il peso di questo segmento, rispetto al totale del mercato, al 36,3% dal 43,5% di un anno fa. Le marche nazionali nel complesso perdono 1,4 punti di quota, attestandosi al 53,5%, mentre Iveco - presente esclusivamente in questa fascia medio/alta del mercato -- nonostante la flessione dei volumi conquista 3,4 punti di quota portandosi al 23%.