19 maggio 2024
Aggiornato 15:30

Ferrovie, Matteoli: Milano-Roma in 3 ore grande traguardo

«Ora impegno ad arrivare fino a Palermo»

ROMA - «Poter raggiungere in treno Roma da Milano in tre ore è un segno tangibile di modernità, della capacità delle nostre ferrovie e più in generale dell’imprenditoria italiana di essere all’avanguardia e di sapere applicare con successo le migliori tecnologie». Lo ha dichiarato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, dopo aver viaggiato sul treno ad alta velocità Freccia Rossa da Milano a Roma insieme con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

FRECCIA ROSSA - «Nella felice occasione del primo viaggio sperimentale del Freccia Rossa tra le due maggiori città d’Italia in appena tre ore, un servizio trasportistico che diventerà realtà per tutti i cittadini a partire dal prossimo 12 dicembre – aggiunge il ministro – è opportuno ricordare che l’alta velocità fu pensata dalle Ferrovie dello Stato nel 1986 e che trovò il governo di allora perplesso e tentennante. Fu poi nel 1990, grazie alla determinazione dell’allora amministratore delegato di Fs, il compianto Lorenzo Necci, se l’opera andò avanti.

ALTA VELOCITA' - Questa esperienza deve insegnare a tutti che le opere pubbliche, in particolare quelle strategiche come l’alta velocità, devono essere realizzate in tempi più rapidi rispetto al momento in cui vengono concepite, perché esse rappresentano davvero un volano di ricchezza per l’economia del Paese. Prima si fanno e prima se ne possono cogliere gli effetti che sono molto positivi. Oggi è il caso di ribadire la ferma volontà del governo di progettare e realizzare l’alta velocità ferroviaria nel resto del territorio italiano fino a Palermo. Un traguardo - ha concluso - non facile ma possibile se sapremo continuare a mettere a frutto determinazione e stimoli che in questi mesi non sono mancati».