24 febbraio 2020
Aggiornato 16:30

Commercio, Ue: leggera ripresa vendite al dettaglio in gennaio

Eurostat: più 0,1% in area euro, più 0,6% nei 27 su dicembre

BRUXELLES - Nel gennaio 2009, rispetto al dicembre 2008, il volume del commercio al dettaglio è aumentato dello 0,1% nell'area dell'euro e dello 0,6% nell'Ue a ventisette. In dicembre le vendite al dettaglio erano diminuite dello 0,3% e 0,2% rispettivamente. Nel gennaio 2009, rispetto al gennaio 2008, l'indice delle vendite al dettaglio è diminuito del 2,2% nella zona euro e dell'1,2% nella Ue27.

Nel gennaio 2009, rispetto al dicembre 2008, il settore «Prodotti alimentari, bevande e tabacco» è sceso dello 0,3% nella zona euro, ma è aumentato dell'1,2% nella Ue27. Il settore non alimentare è cresciuto dello 0,4% in entrambe le zone. Tra gli Stati membri per i quali sono disponibili i dati (non l'Italia), il totale del commercio al dettaglio è aumentato in undici ed è diminuito in cinque.

I maggiori incrementi sono stati osservati in Romania (+13,3%), Portogallo (+4,1%) e Finlandia (+3,0%), e i cali più significativi sono stati in Lituania (-11,9%), Lettonia (-8,5%) e Slovacchia (-4,9 %). Nel gennaio 2009, rispetto al gennaio 2008, le vendite al dettaglio di «Prodotti alimentari, bevande e tabacco» sono scese del 2,4% nella zona euro e dell'1,5% nella Ue27. Il settore non alimentare è calato del 2,2% e 0,8% rispettivamente.

Tra gli Stati membri per i quali sono disponibili dati, il totale del commercio al dettaglio è aumentato in sei ed è diminuito in dieci. I maggiori incrementi sono stati osservati nel Regno Unito (+2,9%), Polonia e Svezia (entrambe +1,9%), e i cali più vistosi sono stati in Lettonia (-19,8%), Lituania (-15,2%) ed Estonia (-12,9%).