15 dicembre 2019
Aggiornato 00:30
Artigianato

Approvato il Testo Unico in materia di Artigianato

Il Consiglio Regionale del Piemonte ha approvato la legge «Testo Unico in materia di artigianato»

«Si tratta di un provvedimento di grande rilevanza politica - spiega il Vice Presidente del Gruppo Consiliare del PD Stefano LEPRI - una normativa molto flessibile, che individua obiettivi e finalità, indica gli strumenti e rimanda a successivi provvedimenti della Giunta per quanto riguarda i programmi di attuazione.

Una legge moderna che ci mette nelle condizioni di avere strumenti adeguati per superare questa situazione difficile in cui versano le nostre imprese. Introduce anche elementi di semplificazione (per esempio la comunicazione unica per l’Albo provinciale, per cui la responsabilità della verifica della completezza della documentazione è a carico dell’amministrazione e non dell’artigiano) nonché una serie di monitoraggi e controlli sull’azione della amministrazione regionale. A fianco della legge è previsto poi il fondo unico regionale per l’artigianato che quest’anno vedrà raddoppiati i fondi destinati al settore, che passeranno a 30 milioni».

«L’artigianato piemontese conta oggi oltre 135.000 imprese e occupa 303.000 addetti, contribuendo al Pil regionale per circa il 12% - aggiunge il Consigliere regionale Stefano LEPRI - quindi un settore produttivo di primaria importanza. La nuova legge, elaborata attraverso un costante confronto con le associazioni degli imprenditori artigiani, ha come finalità quella di riconoscere all’artigianato il ruolo che questo merita, introducendo norme omogenee a quelle del settore industria, semplificando procedure e adempimenti. Si tratta di una serie di norme innovative rispetto all’attuale legislazione, che tengono conto dei cambiamenti avvenuti in questi ultimi anni. Innanzitutto si rafforzano gli strumenti per valorizzare, promuovere e sostenere le piccole e medie imprese artigiane cercando di favorire lo sviluppo delle potenzialità del settore e rimuovendo gli ostacoli che ne frenano la crescita. Sostenere il sistema delle imprese artigiane vuol dire migliorare la capacità competitiva dell’economia piemontese».