18 ottobre 2019
Aggiornato 05:30
Quasi 231.000 consegne, -8,7%

Veicoli commerciali in rallentamento nel 2008

Confermate le previsioni di ANFIA, che insiste sulla la necessità di sostenere gli investimenti delle imprese

Con quasi 19.600 veicoli consegnati a dicembre -- che ci riportano ai livelli del 1998 -- e un calo del 23% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, il 2008 chiude in frenata per il mercato italiano dei veicoli commerciali leggeri. Le consegne complessive sfiorano, infatti, le 231.000 unità -- ovvero quasi 22.000 in meno rispetto al risultato del 2007 -- facendo registrare una flessione dell’8,7%. La chiusura d’anno risulta dunque in linea con le previsioni di ANFIA e la flessione sarebbe stata ancora più pesante in mancanza degli ecoincentivi governativi.

Nel mese di dicembre è proseguito il calo di fiducia degli operatori economici. Secondo l’indagine ISAE (Istituto di Studi e Analisi Economica), infatti, a dicembre l’indice di fiducia delle imprese manifatturiere ed estrattive è sceso ulteriormente (66,6 vs 71,6 del mese scorso), portandosi ai minimi storici della rilevazione. A determinare tale contrazione, il peggioramento dei giudizi delle imprese sull’andamento delle principali variabili aziendali: maggiore pessimismo, rispetto allo scorso mese, relativamente al livello corrente degli ordini e della domanda in generale, al livello atteso della produzione, alla liquidità aziendale. Confermate, inoltre, le difficoltà di accesso al credito già emerse nell’indagine dello scorso mese. Continuano a peggiorare anche le attese relative all’occupazione e alla situazione economica del Paese.

Di fronte a un simile scenario, ANFIA non può che insistere sulla necessità di introdurre misure a favore di un rilancio del settore, ovvero: possibilità di detassare gli utili reinvestiti, tramite una Tremonti Ter; reintroduzione, per alcune categorie di beni strumentali, degli ammortamenti accelerati e anticipati cancellati con la Finanziaria 2008; proroga degli ecoincentivi. Le marche italiane hanno sfiorato nel mese le 10.500 consegne, in flessione del 18,8% rispetto ai volumi di dicembre 2007, ma meno dell’intero mercato. Rafforzata la leadership, con il miglioramento della quota di 2,8 punti (53,3% vs 50,5% a dicembre 2007). Considerando l’intero 2008, le consegne si attestano a circa 124.200 unità (-7,6%), mentre la quota di penetrazione conquista 0,6 punti rispetto all’anno precedente raggiungendo il 53,8%.

Nonostante il calo registrato in termini di volumi, FIAT PROFESSIONAL in dicembre, con quasi 8.250 consegne (-18,4%), non solo mantiene la leadership, ma migliora di 2,4 punti la propria quota di mercato (42,1% vs 39,7%). Sfiorate le 100.000 consegne da inizio anno, un risultato ottenuto soprattutto grazie alle buone performance del Nuovo Fiorino -- che corona l’anno dell’elezione a Van Of The Year 2009 con oltre 9.500 unità consegnate nei 12 mesi. Grazie ai risultati positivi di Nuovo Fiorino e di Doblò Cargo (oltre 20.500 consegne nel 2008), si conferma, inoltre, la leadership nello specifico segmento 1B (Furgonette), con più di metà del mercato.

Nonostante l’andamento ancora in flessione rispetto al pari periodo dell’anno precedente, per IVECO (1.791 unità; -24,5%) si registra, a dicembre, un significativo contenimento del calo di consegne rispetto ai mesi precedenti. Le consegne totalizzate globalmente nel 2008 ammontano a quasi 19.400 unità con una flessione del - 15,7 % rispetto all’anno precedente. La crisi economica in atto continua ad indurre molti operatori a posticipare le proprie intenzioni di acquisto; un notevole calo di fiducia si sta manifestando in particolare nel mondo della produzione industriale e dell’edilizia, settori nei quali Iveco ha una presenza storicamente molto importante. Alla luce di questo complesso contesto economico, il risultato di Iveco appare comunque soddisfacente, tenuto conto che la sua presenza sul mercato è limitata alla sola fascia alta che rappresenta circa il 40% della domanda e nella quale oggi maggiori sono le difficoltà di investimento, sia in termini di impegno complessivo sia di reperibilità del finanziamento. Prosegue, invece, la crescita di PIAGGIO Veicoli Commerciali, che riporta, a dicembre, un +18,8%. Si conferma positivo anche il risultato da inizio anno con oltre 5.000 consegne e una crescita del 13,4% rispetto ai volumi del 2007. Il 50% delle vendite è stato realizzato con il contributo della nuova gamma Eco-solution, caratterizzata da motorizzazioni ecologiche a basso impatto ambientale.

E’ così stata premiata dal mercato la scelta di focalizzare la gamma Porter sulla missione ‘‘intracity’’, quindi su una massima attenzione all’ecologia, che l’azienda di Pontedera intende mantenere sugli stessi livelli anche nel 2009. Proprio nel mese di Dicembre, infatti, Piaggio Veicoli Commerciali ha dato vita ad un progetto che, per tutto il 2009, vedrà impegnata l'azienda nella presentazione della gamma ecologica direttamente al Cliente finale attraverso un tour dedicato realizzato nei Comuni Italiani e rivolto alle realtà con una forte sensibilità alla tutela dell'ambiente e alla qualità della vita.