27 maggio 2024
Aggiornato 02:00

Bilancio di Previsione 2009 CdC Bari: approvato all'unanimità

Quattro milioni e mezzo di euro saranno destinati alle attività promozionali e pertanto ad incentivare la progettualità nei settori portanti dell’economia di Bari e provincia

Il Consiglio della Camera di Commercio di Bari riunitosi ha approvato all’unanimità il Bilancio di Previsione 2009 dell’ente camerale barese.
Quattro milioni e mezzo di euro saranno destinati alle attività promozionali e pertanto ad incentivare la progettualità nei settori portanti dell’economia di Bari e provincia. Lo stanziamento risponde ad una volontà politica di sostegno intersettoriale, che mira a far interagire quanto più possibile i comparti, per uno sviluppo di sistema.

La Giunta, riunitasi subito dopo il Consiglio, ha approvato all’unanimità l’ordine del giorno nel quale pur prendendo atto delle azioni straordinarie già poste in essere dal Governo nazionale e dalla Regione Puglia nel sostegno alle imprese ed all’economia reale, ha auspicato «ulteriori provvedimenti urgenti, da assumere d’intesa con le categorie economiche, con particolare riguardo ai fondi rischi di garanzia mutualistica».

Approvato all’unanimità anche l’ordine del giorno sul problema dei trasporti, aerei e ferroviari, ritenuta dalla Giunta una questione ormai d’emergenza sulla quale si auspica l’intervento dei ministri Mattioli e Fitto. «Il problema – si legge nel documento – sembra aver raggiunto un punto di non ritorno, che rischia di immobilizzare l’economia barese e pugliese, in una ragnatela di inefficienze della mobilità, che ci allontanerà sempre di più dai traguardi di sviluppo».

«Questa situazione – si legge - mortifica le nostre imprese e gli sforzi quotidiani per essere maggiormente competitive nei prodotti e nei processi produttivi e non è positiva neanche per i potenziali investitori, che trovano sconveniente investire in una regione improvvisamente periferica, nonostante la massiccia disponibilità di fondi strutturali fino al 2013».

«Ai ministri Raffaele Fitto e Altero Matteoli - conclude il documento della Giunta - chiediamo misure urgenti per le nostre imprese ed il ripristino dei collegamenti aerei con Roma e Milano e un impegno su quelli ferroviari all'altezza di un capoluogo di regione importante nel Mezzogiorno d'Italia».