12 aprile 2021
Aggiornato 21:30
Crisi economica

«Bonus famiglie è carità legalizzata è lontana politica familiare realmente sussidiaria»

Dichiarazione dei senatori del Pd Emanuela Baio, Benedetto Adragna, Maria Antezza, Teresa Armato, Fiorenza Bassoli, Dorina Bianchi, Franca Biondelli, Daniele Bosone, Carlo Chiurazzi, Mauro Del Vecchio, Claudio Gustavino, Nino Papania, Flavio Pertoldi, Raffaele Ranucci, Paolo Rossi

«L'intero provvedimento è inefficace. E la parte relativa alle famiglie è una certificazione umiliante di povertà». Così, sul decreto legge approvato oggi dal Consiglio dei Ministri, i senatori del Pd Emanuela Baio, Benedetto Adragna, Maria Antezza, Teresa Armato, Fiorenza Bassoli, Dorina Bianchi, Franca Biondelli, Daniele Bosone, Carlo Chiurazzi, Mauro Del Vecchio, Claudio Gustavino, Nino Papania, Flavio Pertoldi, Raffaele Ranucci, Paolo Rossi.

«Il bonus per le famiglie è una carità legalizzata, anche se dopo i continui rimaneggiamenti sono stati aumentati di poco i beneficiari, questo umilia le fasce sociali più deboli. Peccato. Sarebbe stato più serio - spiegano i senatori del Pd - , con le stesse risorse adottare scelte durature che avrebbero dimostrato l'inizio di una vera politica per le famiglie, anche per quelle più deboli economicamente. Certo è che non si può identificare una politica assistenziale, come quella del bonus, che tra l'altro verra' erogato entro febbraio 2009, come scelta a favore della famiglia».

«Oggi serve incrementare i consumi per sostenere la nostra economia e lo possono fare le famiglie con un medio livello di reddito. C'è quindi bisogno di iniziative durature. Della detassazione della tredicesima, che lascia liquidità nelle tasche dei lavoratori. E' una boccata d'ossigeno per la famiglia. Di interventi concreti per le famiglie con un reddito medio. Passando dalle detrazioni alle deduzioni, per esempio, si ottiene una maggiore equità e si lasciano più soldi alle famiglie che hanno figli. Così facendo, nel breve si aumentano i consumi e nel medio si inizia anche a sostenere la natalità».

«È una politica cieca quella del Governo, vede solo quello che vuole per garantire gli interessi di pochi, non certo quelli della famiglia».

«Non ci siamo - concludono i senatori del Pd - . E' lontano l'obbiettivo di una politica familiare realmente 'sussidiaria', costruita 'con le famiglie e a partire da esse' e non destinatarie passive di interventi assistenziali».