18 novembre 2019
Aggiornato 23:00
Sciopero generale della scuola

Anche i metalmeccanici della Cisl in piazza

Al fianco dei lavoratori e degli studenti nello sciopero generale

Domani la segreteria nazionale e una delegazione di metalmeccanici della Fim Cisl sfileranno al fianco dei lavoratori e degli studenti nello sciopero generale della scuola.

«Una decisione che non nasce solo dalla volontà di aderire alla protesta indetta dalla Cisl confederale e dalla Cisl Scuola, - si legge in una nota - ma dal desiderio di fare nostra una battaglia che riguarda il futuro non solo dei nostri figli, ma del Paese. Il gap formativo dei giovani rispetto alla media degli altri Paesi europei e la necessità di valorizzare le professionalità presenti nella scuola, infatti, passano per un'altra direttrice rispetto a quella su cui si muove il decreto Gelmini, un provvedimento che sembra essere mosso più dalla necessità di tagliare le spese, adottato senza alcun confronto con le rappresentanze sindacali della scuola».

«La Fim - si legge ancora nella nota - condivide la richiesta della Cisl e della Cisl Scuola di aprire un confronto sul decreto; di uscire da una logica di tagli indiscriminati alla spesa scolastica e di riaffermare la necessità di migliorare qualità ed efficienza della scuola pubblica. Il buon funzionamento della scuola pubblica riguarda tutti, nessuno nega la necessità di intervenire anche in un processo di razionalizzazione della spesa da concordare con il sindacato, ma i fondi reperiti vanno reinvestiti nella scuola e nella ricerca. Per questo domani, 30 ottobre 2008, la Fim sarà in piazza con le sue bandiere insieme al sindacato scuola, contro un decreto iniquo e contrario alle necessità del settore, alla crescita culturale e alla competitività del Paese».