26 maggio 2020
Aggiornato 01:30
Continua il calo dei prezzi dei carburanti

«Sui carburanti il divario con l’Europa resta elevato»

Scajola: «Ci sono ulteriori margini di riduzione, non tutte le compagnie aggiornano rapidamente listini»

I prezzi dei carburanti continuano a ridursi e il livello minimo dell’anno, raggiunto la scorsa settimana è stato ulteriormente ritoccato al ribasso questa settimana di quasi 6 centesimi al litro per la benzina, a 1,293 euro al litro, e di 4,5 centesimi per il gasolio, a 1,253 euro a litro. Tuttavia, la riduzione dei prezzi industriali è risultata più marcata nell’Unione monetaria europea che in Italia e ciò ha determinato un aumento del divario fra il «prezzo Italia» e la media Ue, sia per la benzina che per il gasolio.

Per la benzina si rileva, rispetto alla scorsa settimana, un divario di 3,6 centesimi di euro contro 2,8 della settimana scorsa. Per il gasolio si registra un differenziale di 2,1 centesimi di euro contro i 1,5 centesimi di euro della settimana scorsa.

«E’ un percorso positivamente avviato, ma ci sono ulteriori margini di riduzione – ha affermato il ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola - Se alcune compagnie hanno aggiornato prontamente i listini, altre sono risultate più lente. Proseguiremo la nostra azione per spingere tutte le compagnie ad adeguare prontamente i listini alle variazioni delle quotazioni internazionali, perché la vischiosità del comportamento di alcuni costituisce un danno per i consumatori e per tutto il Paese».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal