21 ottobre 2021
Aggiornato 22:30
Fallimento del negoziato sul Wto a Ginevra

WTO, Coldiretti: «vale 50 miliardi il falso Made in Italy da battere»

«Se dalle prossime trattative internazionali venisse un chiaro stop ai cibi taroccati, potrebbe ad esempio aumentare di dieci volte il solo export nazionale di formaggi tipici verso gli Stati Uniti»

Il raggiungimento, a Ginevra nell’ambito dei negoziati Wto, di un accordo sulla tutela delle indicazioni geografiche avrebbe contribuito a battere le imitazioni e le falsificazioni del Made in Italy agroalimentare che valgono complessivamente 50 miliardi di Euro. E’ quanto afferma la Coldiretti che nel commentare il fallimento del negoziato sul Wto a Ginevra auspica che ora si possano trovare occasioni negoziali che consentano di superare gli ostacoli attuali attraverso un approccio nuovo e attento alle reali esigenze di uno sviluppo economico sostenibile dell’economia mondiale.

L’importante impegno nazionale per una positiva conclusione dei negoziati con la tutela delle indicazioni geografiche e la salvaguardia delle nostre produzioni agricole ed alimentari, va proseguito - sottolinea la Coldiretti - con decisione in futuro.

Se dalle prossime trattative internazionali venisse un chiaro stop ai cibi taroccati, potrebbe ad esempio aumentare di dieci volte il solo export nazionale di formaggi tipici verso gli Stati Uniti, dove sono venduti parmesan, mozzarella, asiago, romano e provolone che non hanno nulla a che fare con la realtà produttiva tricolore. E nuove opportunità commerciali - precisa la Coldiretti - si aprirebbero anche per prosciutti, salumi e bevande alcoliche tipiche vittime degli agropirati in ogni parte del mondo, come il Chianti prodotto nella Napa Valley in California.

Peraltro, con la riforma della politica agricola, l’Unione Europea - conclude la Coldiretti - ha dimostrato di avere le carte in regola per arrivare ad una conclusione positiva del negoziato, che è infatti fallito su un braccio di ferro che non ha coinvolto il vecchio continente.