22 febbraio 2024
Aggiornato 05:00
politica

Premio Caterina Percoto: Panariti, importante il suo rilancio

«La partecipazione di ragazzi e bambini delle scuole da tutta Italia al bando del Premio letterario Caterina Percoto è il segnale che la volontà di riprendere dopo alcuni anni di sospensione questo evento è stata vincente». Lo afferma l'assessore regionale

FVG - «La partecipazione di ragazzi e bambini delle scuole da tutta Italia al bando del Premio letterario Caterina Percoto è il segnale che la volontà di riprendere dopo alcuni anni di sospensione questo evento, che onora la scrittrice friulana con una formula rinnovata, è stata vincente».

Una maifestazione importante
Lo ha affermato l'assessore regionale all'Istruzione, Università e Pari opportunità, Loredana Panariti, in occasione della serata di premiazione del Premio letterario 'Caterina Percoto', promosso dal Comune di Manzano per onorare la concittadina nata a San Lorenzo di Soleschiano, figura di spicco dell'Ottocento. «Negli anni il premio - ha ricordato Panariti - ha rappresentato un importante riferimento di analisi letteraria e anche un efficace strumento di promozione di talenti: tra i premiati illustri il 'Percoto' annovera anche un giovane Pierluigi Cappello, ma ha valorizzato anche l'opera di Umberto Valentinis, Giacomo Vit, le scrittrici Gina Marpillero e Antonella Sbuelz, gli scrittori Paolo Maurensig e Tito Maniacco. Anche se i premi letterari in Italia soffrono di una crisi generale, è giusto - conclude Panariti - continuare a investire risorse e energie per portarne avanti la tradizione, perchè tutti, dai più blasonati ai più legati alla cultura di un territorio, hanno una cosa in comune: sono cerimonie per affermare la centralità della scrittura e della lettura, valore quanto mai importante anche se spesso oggi accantonato, nella formazione dei giovani».

Il ruolo della donna
Per Panariti, poi, il Percoto ha il valore aggiunto di promuovere l'opera e la figura di una donna che ha saputo sempre ritagliarsi, seppure nel recinto imposto da condizioni sociali e di salute precarie e in un arretrato Friuli rurale, una 'stanza tutta per sè' in cui la letteratura e gli ideali potessero essere protagonisti. Ad approfondire inediti aspetti della scrittrice, in dialogo con Paolo Medeossi, sarà ospite questa sera a Manzano, all'antico Foledôr Boschetti, lo scrittore, traduttore e poeta Flavio Santi, autore di romanzi di grande successo nonché profondo studioso, che ha collaborato a opere collettive come il Grande Dizionario della lingua italiana, l'Enciclopedia del Cinema Treccani, il Dizionario Biografico degli Italiani. Sarà lui a premiare il racconto breve che è stato scelto dalla giuria, presieduta da Elisabetta Pozzetto e composta da William Cisilino, Elisabetta Feruglio, Walter Tomada e Ilaria Borghese, vincitore della sezione adulti: 'Tra lei e il mondo' di Carlo Tolazzi.