2 dicembre 2020
Aggiornato 23:30
Il ricordo

David Bowie, quell’intervista con Red Ronnie in cui spiegò magistralmente cos’è il rock

«Spesso rimani deluso da un tuo idolo quando lo conosci di persona. David no, lui rimaneva l’eroe che pensavi fosse anche quando ci parlavi».

http://rrr.sz.xlcdn.com/?account=diariodelweb&file=donna%2F20120112_donna_red_ronnie_david_bowie_rock_360.mp4&type=streaming&service=wowza&output=smil

DAVID BOWIE, il Duca Bianco, ha scelto una stella nera per salutarci e «Lazarus» come brano uscito in contemporanea con la sua morte per ricordarci che si risorge, sempre.

Ho incontrato e intervistato DAVID BOWIE quattro volte dal 1987 al 1996. Sono state sempre conversazioni illuminanti e calme. Spesso rimani deluso da un tuo idolo quando lo conosci di persona. David no, lui rimaneva l’eroe che pensavi fosse anche quando ci parlavi. Ho scelto di condividere un momento della prima intervista, quando, sull’onda di critiche pesanti che il rock stava avendo con addirittura una interrogazione parlamentare per impedire ai Rolling Stones di venire in Italia perché promuovevano l’uso di droghe, chiesi a Bowie se il rock avesse influenze negative. Ed ecco come ha rivoltato in positivo la mia domanda.

Red Ronnie