15 dicembre 2019
Aggiornato 21:30
Web e trash

Andrea Diprè, il nuovo video diventa caso mediatico

Forse anche gli amanti del trash faranno fatica a trovare il lato ironico dell'ultima «produzione discografica» che vede Diprè accompagnato dalla pordenonese Valeria Nardone. Ecco tutti i dettagli

UDINE – Torna a far parlare di sé Andrea Diprè che dopo un periodo di pausa dalla rete si è cimentato con un videoclip musicale. Il re del trash ha scelto Udine per il suo ultimo lavoro in particolare il parco di cemento dei Rizzi, a poche centinaia di metri dal Polo Scientifico dell’Università di Udine. La nuova canzone si intitola «Elisabetta» e Diprè ha scelto come compagna d'avventure Valeria Nardone di Pordenone che ha all'attivo 80 mila follower su Instagram.

Il re del trash sceglie il Friuli
Come d'abitudine il video, in cui Andrea Diprè è vestito da scolaretto, non lascia nulla all'immaginazione a cominciare dai contenuti. Le scene sono state girate con lo sfondo dei graffiti del Parco di Cemento dei Rizzi. Non è la prima volta che il re del trash sceglie il Friuli per produrre i suoi video; nel 2015 infatti era balzato alla cronaca per aver girato un video porno a Cordenons.

La canzone
Parole esplicite, colorite, volgari. La ricetta di Andrea Diprè non si smentisce. Il testo è costellato da bestemmie e parolacce. Il video è stato pubblicato sul web lunedì 18 settembre ma come è ovvio pensare è stato rimosso da diversi social network. Ma questo non ha impedito al prodotto mediatico di fare il giro della rete e di raggiungere in due giorni più di 30 mila visualizzazioni. Il pubblico come spesso accade con produzioni di questo tipo è diviso: c'è chi, magari anche ironicamente, apprezza la vena trash dello «show man» e della sua compagna ma anche chi si lascia andare a commenti che non lasciano scampo.