6 dicembre 2019
Aggiornato 22:30
Mangiare fuori

Al Glam, a due passi dal Casinò di Sanremo

Una terrazza sospesa tra il mare, il Casinò e la Chiesa Russa, dove gustare piatti classici o più creativi, pizze d'autore comprese.

SANREMO - Pensare di poter sostenere il progetto di un ristorante di alta cucina all'interno di un Casinò sembrerebbe alquanto bizzarro, e infatti lo sarebbe, già nel concetto, che stride con l'intento di chi entra al Casinò, con un pensiero fisso : giocarseli. Il giocatore accanito - di slot o da tavolo verde - raramente è anche un buon gourmet, e pure lo fosse, in quel momento per lui - o lei -  la lettura di un menù o di una carta dei vini riscuoterebbe  pari interesse di un elenco del telefono della Cappadocia. Lo stesso John Montagu, Lord Sandwich lo aveva già fatto intendere a tutti, pretendendo di essere servito, lui e i suoi compagni di tavolo da gioco, con i tramezzini che lo hanno fatto passare alla storia proprio per questa abitudine, che allora sembrava stravagante, mentre proprio da quel giorno, il pranzo e la cena non sono stati più la stessa cosa. Un ristorante di qualità all'interno di un Casinò non funziona, se ne sono accorti dappertutto in Europa, da Baden Baden a Evian, così come a Cannes, e anche a Montecarlo, dove se vuoi mangiare alla grande devi lasciare il tavolo da gioco ed attraversare almeno la piazza, in direzione Ducasse o Robuchon: un bel dilemma in effetti.  Il Paese dei Balocchi, così vicino ma lontanissimo nel concetto. Sanremo non dispone di un serbatoio di turisti di quel rango, e quindi l'offerta va proporzionata alla domanda.

Glam e Villa Noseda, tra il Casinò e la Chiesa Russa
Glam e Villa Noseda, tra il Casinò e la Chiesa Russa ()

GLAM - Qui, giusto a fianco del Casinò, sono almeno quattro i locali che si contendono indigeni e foresti, con qualche ricambio di gestione di troppo, con qualche ansia e qualche pensiero nebuloso di fronte ad un futuro incerto. Per reggere bisogna variegare l'offerta, pronti a tutto, perché -fatto salvo il cliente che esce di casa apposta per mangiare- quello che esce dal Casinò rappresenta una variabile insondabile. Potrebbe aver vinto (caso rarissimo), potrebbe aver perso (quasi sempre), o potrebbe aver chiuso il suo bilancio alla pari. Potrebbe entrare qui al Glam per pizza e birra, oppure per filetto Rossini da accompagnare con una bottiglia di Bourgogne. Detto e fatto, e fatto anche molto bene dai ragazzi -tutti under 30- guidati da Matteo Ricciatelli, che avrà il suo bel da fare per tenere insieme questa brigata, per una volta formata da soli italiani, alle prese con una carta che spazia ovunque, tra gli inevitabili gamberi, altro pesce fresco, primi piatti, pizze, carni e verdure di stagione.

Cucina a vista, con Alessia e Desirée al pass
Cucina a vista, con Alessia e Desirée al pass ()

VINI E SERVIZIO - Era su La Stampa di qualche giorno fa l'inchiesta fatta sulle origini degli impiegati nella ristorazione italiana, dove gli "stranieri" stanno superando per numero di nuove assunzioni gli italiani, che per assurdo, o per paradosso, si trovano a bere birra e fare i lavapiatti nei pub di Londra. I soci dell'impresa (Berio e Moretti) hanno fatto una scelta eticamente condivisibile, dando spazio in cucina a giovani italiani che ben conoscono la cucina italiana, e potendo contare anche in sala sui sorrisi di due ragazze di questa parti, Alessia e Desirée, veramente brave e gentili, sbrigative quando serve, ma che sanno rallentare il passo e rivolgere un'attenzione in più al cliente quando le condizioni lo consentono, perché qui è facile intuire che anche il numero di avventori sia imprevedibile, come le loro esigenze, o la loro lingua, arrivati fin qui da chissà dove. Infine un accenno alla carta dei vini, sorprendente in positivo, sovradimensionata rispetto alla concorrenza, ma adeguata al contesto e alla cucina, così come lo sono i prezzi dei piatti, aperti a forbice dai cinque euro di una focaccia o qualche cosa in più per una pizza (solo alla sera), arrivando a quotazioni giustamente più elevate quando si tratta di affrontare pesce e crostacei, o questo sontuoso filetto Rossini, veramente esemplare.

Filetto Rossini, quindi con salsa al vino rosso, foie gras e tartufo nero
Filetto Rossini, quindi con salsa al vino rosso, foie gras e tartufo nero ()
Cottura perfetta
Cottura perfetta ()
Abbinamento d'elezione
Abbinamento d'elezione ()
Molto buone anche le tagliatelle con porcini, pescatrice e pomodorini confit
Molto buone anche le tagliatelle con porcini, pescatrice e pomodorini confit ()
Desirée
Desirée ()
Matteo Ricciatelli
Matteo Ricciatelli ()
L'ingresso, da Corso degli Inglesi
L'ingresso, da Corso degli Inglesi ()