13 giugno 2024
Aggiornato 05:30
Un bilancio che non è un addio

Barenboim saluta la Scala

A pochi giorni dall'inaugurazione della stagione 2014-2015 della Scala il maestro Daniel Barenboim ha ripercorso i suoi 48 anni di legame con il teatro milanese, fatti di 214 serate ripartite in 108 d'opera, 84 concerti, 18 recital e 4 serate di balletto.

MILANO - A pochi giorni dall'inaugurazione della stagione 2014-2015 della Scala il maestro Daniel Barenboim ha ripercorso i suoi 48 anni di legame con il teatro milanese, fatti di 214 serate ripartite in 108 d'opera, 84 concerti, 18 recital e 4 serate di balletto. Un bilancio che non è un addio, ma con il Fidelio in scena dal prossimo 7 dicembre e con il ciclo pianistico dedicato alle Sonate compiute di Franz Schubert (3, 12, 15 e 22 dicembre), Barenboim concluderà una stagione che dal 2005 lo ha visto alla Scala in veste di Maestro Scaligero e quindi, dal 2011, di Direttore Musicale. Per questo ha voluto ripercorrere le esperienze di questi anni a Milano, ma anche anticipare il progetto della Barenboim - Said Akademie (http://www.daniel-barenboim-stiftung.org/) che sta sorgendo a Berlino e che costituirà il fulcro della sua attività futura.

La relazione del Barenboim con la Scala e con la città di Milano risale al 1954 quando, undicenne, si esibì come pianista in un concerto alla Triennale. Qualche anno dopo, è il 1966, un Barenboim già all'apice della carriera pianistica esordì alla Scala con i complessi del Teatro diretti da Zubin Mehta. Nel 1970 Claudio Abbado lo chiama a dirigere la Sinfonia n° 7 di Bruckner. Nel 1988 porta alla Scala l'Orchestre de Paris (Schönberg, Cajkovskij) e nel 1993 torna in veste di pianista per una serata schubertiana. Nel 2002 è di nuovo alla tastiera al Teatro degli Arcimboldi per una serata dedicata alle Années de Pélerinage di Liszt.

Il colpo di fulmine con professori d'orchestra e pubblico scatta il 23 dicembre 2005 con la Nona di Beethoven eseguita per il Concerto di Natale: nei mesi seguenti Barenboim porta alla Scala la West-Eastern Divan Orchestra (1 settembre 2006: Mozart, Bottesini, Brahms) e, il 16 gennaio 2007, celebra con la Filarmonica della Scala il cinquantenario della morte di Toscanini con l'Eroica di Beethoven. Il 5 novembre 2007 è la data della sua prima inaugurazione della Stagione della Filarmonica della Scala con il Concerto n° 2 di Bartók eseguito da Lang Lang. Barenboim torna a Milano il 27 gennaio 2014 per dirigere, a sala vuota, la marcia funebre dell'Eroica in memoria dell'amico Abbado.