31 maggio 2020
Aggiornato 18:00
Il ricordo del padre

De Niro: «Il successo è una combinazione di cose»

L'attore è in Italia per presentare «Remembering The Artist Robert De Niro Sr», dedicato al genitore, pittore di successo tra gli anni '40 e '50, la cui carriera fu messa in ombra dalla Pop Art. Il documentario in onda su Sky Arte Hd a dicembre.

ROMA - «Era un vero artista mio padre»: inizia con questa frase pronunciata da un commosso Robert De Niro il documentario «Remembering the Artist Robert De Niro Sr.» di Perri Peltz e Greta Gandbhir che l'attore americano ha presentato oggi a Roma e che andrà in onda su Sky Arte HD il 28 dicembre. «Ho sempre sentito che avrei dovuto fare un film su di lui, per far conoscere il suo lavoro anche ai miei figli e ai miei nipoti» ha affermato De Niro, che con questo documentario vuole risarcire il padre per i mancati riconoscimenti come artista. Robert Sr., classe 1922, pittore figurativo, dopo un breve successo negli anni '50 venne messo in ombra dall'avvento dell'Espressionismo astratto americano e della Pop art. «Il successo è una combinazione di cose: anche se sei bravissimo non è detto che tu abbia un tipo di riconoscimento» ha affermato.

Attraverso filmati di famiglia, diari, ricordi di critici e artisti, Bob De Niro ripercorre la vita di suo padre: figlio di un rigido italoamericano, marito e padre molto giovane che scoprì e visse con difficoltà la propria omosessualità, si autoescluse volontariamente dalla cerchia di Pollock e De Kooning, che ebbe fama e soldi. Sull'omosessualità del padre l'attore ha commentato: «Da bambino non mi rendevo conto, l'ho scoperto da adulto: non mi ha mai detto niente, era di un'altra generazione, viveva questa cosa in maniera molto conflittuale». Tra rimpianti per non averlo spinto a curarsi meglio (il padre è morto di cancro nel '93), e ricordi affettuosi, De Niro ha confessato: «Quando è morto siamo entrati nel suo studio e abbiamo archiviato tutto, ma io non ho ancora letto tutti i suoi diari: lo farò quando me la sentirò».

L'anteprima romana del documentario è stata organizzata dalla Fondazione Cinema per Roma e dal Maxxi, e l'attore incontrerà questo pomeriggio al Maxxi alcuni spettatori per parlare di suo padre. Robert De Niro ha scelto Roma per l'anteprima europea di «Remembering the Artist Robert De Niro Sr.»: «Roma è una città stupenda, ci vengo da molti anni, ho girato dei film qui. Quale posto migliore poteva esserci?» ha affermato l'attore.

De Niro ha anche confermato le indiscrezioni sul fatto che tornerà a recitare accanto a Jennifer Lawrence, dopo «Il lato positivo», in «Joy», diretto da David O. Russel: «Ci stiamo lavorando» ha ammesso l'attore.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal