24 febbraio 2021
Aggiornato 20:30
Moda & Sociale

Unicef, le Fashion Pigotte sono tornate!

La bambola di pezza più famosa del mondo torna a vestirsi con abiti realizzati da alcune delle maison più celebri. Obiettivo, aiutare a combattere la mortalità infantile nel mondo

PARIGI - Chanel, Gucci, Dior, Lanvin, Sonia Rykiel e Dolce e Gabbana. Ci spiace, non siamo a nessuna Fashion Week! Queste sono alcune delle case di moda che hanno aderito all'ormai celebre progetto delle Fashion Pigotte UNICEF per il Natale 2014. Morbide e colorate, le bambole di stoffa che sostengono l'UNICEF nella sua lotta contro la mortalità infantile, sono famosissime e quest'anno più preziose che mai.

FASHION PIGOTTA 2014 - L'edizione 2014 delle bambole di pezza più famose del mondo ha come tema l'opera. A questo proposito gli ambasciatori del progetto saranno la cantante lirica Natalie Dessayed il ballerino Nicolas Le Riche. Le Fashion Pigotte saranno in esposizione a Parigi al Theatre Du Chatelet dal 18 al 23 novembre ed il 24 andranno all'asta da Artcurial. Per quanto riguarda i look di tutte le Pigotte dovremmo aspettare. Quella di sogna Rykiel è un'elegante signora che indossa un abito maculato nero adorno di perline mentre per Dolce e Gabbana la Pigotta ha un allure da donna mediterranea e sfoggia, come Monica Bellucci e Bianca Balti, un abito lungo in pizzo nero.

LA CAMPAGNA - La Pigotta dell'UNICEF non si compra, si adotta e non si sceglie perchè sono una diversa dall'altra. Con un contributo minimo di venti euro si permette all'organizzazione di fornire cure mediche ai bambini che ne hanno bisogno. Ora grazie all'app gratuita, è anche possibile creare la nostra Pigotta virtuale personalizzata, scegliendo acconciatura, abito, espressione del viso e altro ancora. Sul sito di UNICEF in fine, trovate anche il tutorial per realizzare a casa la vostra bambola di pezza. «Avrà pure un cuore di pezza ma ogni anno salva migliaia di bambini»