23 maggio 2019
Aggiornato 16:30
TV

Floris vale 4 milioni: «Grazie Rai, ma scelgo La7»

Il popolare giornalista lascia viale Mazzini dopo 12 anni alla guida di «Ballarò» e venti di servizio nella tv di Stato. Intanto Cairo gli promette cifre da capogiro

ROMA - E fu così che, dopo vent'anni di onorato servizio, Floris se ne va. Il giornalista romano lascia mamma Rai e la guida di "Ballarò", nato dodici anni fa proprio con lui. Gli ultimi rumors lo danno in procinto di firmare con La7: pare che Umberto Cairo gli abbia promesso un contratto da 4 milioni di euro in tre anni. Per ora nessuna conferma, ci tiene a precisare Mentana, staremo a vedere. Ovviamente Floris non sta nella pelle, anche perché la controproposta della tv di Stato non sarebbe andata oltre gli 1,8 milioni di euro. Nel congedarlo, ieri viale Mazzini ha detto: «La Rai, nel ringraziarlo per il lavoro svolto, gli porge i migliori auguri per il suo futuro professionale».
«Rimettersi in gioco è salutare e giusto - ha commentato Floris - Ringrazio la Rai e "Ballarò", cui devo tutto, perché in questi lunghi anni mi hanno formato e dato fiducia. Sono un uomo fortunato».

UN ADDIO PREANNUNCIATO - Il suo addio era nell'aria: nell'ultima puntata del programma aveva detto: «Noi ci vediamo comunque a settembre, alè». Le ipotesi si rincorrevano da settimane, in particolare dopo la discussione in diretta durante l’ultima intervista a Renzi: il conduttore aveva chiesto conto al premier del taglio da 150 milioni di euro alla Rai annunciato dal governo, parlando del rischio di favorire Mediaset. «Abbiamo iniziato a ridurre i costi dei politici - aveva replicato Renzi - i dirigenti pubblici hanno un tetto agli stipendi, le sembra normale che la Rai sia l’unica realtà che debba far finta che non sia successo niente? Anche viale Mazzini deve partecipare alle spese. Chiedere alla Rai di dare una mano nel momento in cui ci rimbocchiamo tutti le maniche... Caro Floris, mi dispiace ma tocca anche a voi». «Molto volentieri», aveva risposto lui.

IL FUTURO DI «BALLARÒ» - A questo punto che ne sarà di «Ballarò»? Il format resta e il direttore di Rai Tre Andrea Vianello avrebbe già individuato il successore: secondo le prime indiscrezioni, la conduzione potrebbe essere affidata a Gerardo Greco, che attualmente presenta «Agorà», il talk politico del mattino di Rai Tre.