19 novembre 2019
Aggiornato 18:30
Nixon Presidential Library and Museum

Richard Nixon, una mostra svela il suo lato romantico

Al museo dedicato all'ex Presidente, le lettere all'amata Pat: Queste lettere sono fantastiche. E' una persona totalmente diversa da quella che emerge dalle registrazioni del Watergate già diffuse

LOS ANGELES - Nell'immaginario collettivo è l'incarnazione di un dispotico imperatore moderno, caduto sotto il peso di uno dei più grandi scandali della politica americana, il caso Watergate. Ma Richard Nixon è stato anche un romanticone, galante corteggiatore di Thelma Catherine Ryan, detta Pat, la donna che ha sposato e con la quale ha condiviso gli onori della presidenza e la polvere della sconfitta. Lo rivela la mostra che sarà inaugurata venerdì al Nixon Presidential Library and Museum, il museo californiano dedicato all'ex presidente, in cui saranno esposte le lettere che spediva alla donna durante gli anni del fidanzamento.

L'esibizione, organizzata per celebrare i 100 anni dalla nascita della first lady (morta di cancro ai polmoni un anno prima del marito, nel 1993), comprende sei delle decine di lettere che Nixon le ha spedito tra il 1938 e il 1940, da quando l'ha conosciuta a quando le ha chiesto di sposarlo. «Ogni giorno e ogni notte voglio vederti e stare con te», le scriveva, «Facciamo un giro domenica, andiamo in montagna nel weekend, leggiamo i libri davanti al caminetto, ma più di tutto cresciamo insieme e troviamo la felicità che sappiamo essere nostra».
«Queste lettere sono fantastiche. E' una persona totalmente diversa da quella che emerge dalle registrazioni del Watergate già diffuse», ha commentato Olivia Anastasiadis, curatrice del museo. «Nixon è venuto fuori come un giovane uomo idealista pronto a conquistare il mondo e con Pat Ryan sapeva che avrebbe potuto. C'è molta speranza, c'è molta tenerezza ed è molto poetico».