2 marzo 2024
Aggiornato 21:30
TV | Isola dei famosi 2012

Nicola Savino: Sogno Ibra e Berlusconi sull'Isola dei Famosi

Il conduttore del reality viaggia con la fantasia e si immagina due nuovi ipotetici concorrenti per l'edizione 2013. Dopo solo due puntate di Isola il conduttore ha già il suo bel da fare per placare gli animi dei «naufraghi» più esagitati

MILANO - «Chi vorrei sull'Isola dei Famosi la prossima stagione? Ibrahimovic e Berlusconi». Nicola Savino viaggia con la fantasia e si immagina due nuovi ipotetici concorrenti per l'edizione 2013 del reality: «Voglio puntare in alto - ha scherzato il conduttore della trasmissione intervistato da Attenti a Pupo, programma di Radio 1 Rai -. Dal momento che sono calciofilo, scelgo Ibra. E per puntare ancora più in alto dico pure Berlusconi! Anche se forse quest'accoppiata non è il massimo, visto che uno è il presidente dell'altro e gli porterebbe troppo rispetto».

Sognare non costa nulla. Tornando alla vita reale, però, Savino storce un po' la bocca. Dopo solo due puntate di Isola, infatti, il conduttore ha già il suo bel da fare per placare gli animi dei «naufraghi» più esagitati. Durante l'ultima serata il deejay toscano è stato attaccato duramente da Cristiano Malgioglio che, confrontandolo con l'ex presentatrice Simona Ventura, lo ha pubblicamente sminuito: «Malgioglio mi ha fatto sudare sette camicie - ha dichiarato Savino -. Dopo la litigata con Apicella si è sentito poco protetto da me e ha affermato che Simona Ventura non lo avrebbe mai permesso».
Un'esternazione che non può certo far piacere all'attuale conduttore del reality, per il primo anno al timone di una trasmissione così importante: «E' vero che ormai ho 44 anni, ma devo dire che ad un ragazzo che fa per la prima volta questo lavoro ed ha una grande chance in prima serata non è carino dire una cosa del genere - ha ammesso Savino -. E' come se si commentasse la canzone di un'artista esordiente con una frase tipo Beh, Mina l'avrebbe fatta meglio!. Se facciamo così non va più avanti nessuno». Ma, come si dice nell'ambiente, the show must go on. Il comprensivo Nicola è pronto a mettere una pietra sopra l'accaduto: «Sono contento della solidarietà che mi è arrivata dal mio pubblico - ha concluso - e sono sicuro che Malgioglio non pensava veramente queste cose»