17 gennaio 2022
Aggiornato 01:00
Cinema

Diabolik sulla Mole Antonelliana: lo spettacolare videomapping a Torino

La Mole Antonelliana vestita con le immagini del film che fino al 16 dicembre, data di uscita nelle sale, illumineranno le notti torinesi

Diabolik sulla Mole Antonelliana: lo spettacolare videomapping a Torino
Diabolik sulla Mole Antonelliana: lo spettacolare videomapping a Torino ANSA

TORINO - In occasione dell'uscita dell'atteso film dei Manetti bros «Diabolik», con Luca Marinelli, Miriam Leone e Valerio Mastandrea, Rai Cinema e 01 Distribution, in collaborazione con il Museo del Cinema e la Città di Torino, hanno vestito la Mole Antonelliana con le immagini del film che fino al 16 dicembre, data di uscita nelle sale, illumineranno le notti torinesi.

«E' una spettacolare forma di comunicazione, dinamica e innovativa - dice l'ad di Rai Cinemateche, Paolo Del Brocco - che si addice al nostro Diabolik e al pubblico in attesa di vederlo in azione. Immagini che colpiscono per la loro bellezza e unicità, proiettate sulla grandezza della cupola della Mole, con un risultato particolarmente efficace. In sinergia con il Museo del Cinema di Torino, che ospiterà a breve la mostra 'Diabolik alla Mole', incoraggiamo la capacità di rinnovare per promuovere l'esperienza cinematografica modi più diversi».

«Portiamo fuori dagli spazi del museo - aggiunge il direttore del Museo del Cinema, Domenico De Gaetano - la magia del cinema, proiettando immagini grandiose sui quattro lati della cupola dell'edificio simbolo della Città. Dopo aver ospitato i volti di Sophia Loren e Claudia Cardinale, le immagini di David Cronenberg e lo spettacolo di danza verticale di Luca Tommassini, adesso è la volta di Diabolik».

L'adattamento cinematografico è di Angela e Luciana Giussani, la direzione dei Manetti bros. Il film è stato scritto da Michelangelo La Neve e Manetti bros., che hanno firmato anche il soggetto insieme a Mario Gomboli. La colonna sonora è fo Pivio & Aldo De Scalzi, mentre Manuel Agnelli è autore e interprete di due brani inediti.