7 giugno 2020
Aggiornato 02:30
«I campioni sono tornati»

In 100 mila per l'ultimo saluto alla Chapecoense

Cerimonia funebre allo stadio per i calciatori e i componenti dello staff morti nell'incidente aereo in Colombia. Ovazione quando lo speaker dice che la squadra verrà «ricostruita».

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2016/12/20161203_video_17325280.mp4

CHAPECO - Una pioggia fittissima, quasi un nubifragio, nella giornata dei funerali dei calciatori della Chapecoense. Centomila persone hanno partecipato alle esequie allo stadio di Chapecò, nel sud del Brasile, una città di 200mila abitanti ferita a morte.
Nella catastrofe aerea in Colombia sono morte 71 persone, 50 tra giocatori e staff del club che militava nella massima serie di calcio brasiliana. Le salme delle vittime sono rientrate dalla Colombia con due aerei militari. Al loro atterraggio il cielo si è illuminato con fuochi di artificio, pur sotto una pioggia battente. Ad accoglierle il presidente della Repubblica brasiliana Michel Temer e i familiari. Poi il viaggio allo stadio in un'atmosfera surreale. In tutto il mondo i club sportivi hanno osservato un minuto di silenzio per ricordare la squadra brasiliana che è stata completamente annientata nella sciagura aerea nel momento più importante della sua breve storia, alla vigilia della finale di Copa Sudamericana.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal