22 settembre 2020
Aggiornato 04:00
Nuoto

Federica Pellegrini: «Il 2019 anno tra i più belli della mia carriera»

L'olimpionica veneta: «Se mi sento appagata? Lo sono anche adesso. So che quella di Tokyo, se arriverà, sarà la mia quinta Olimpiade»

ROMA - «Vivrò questo anno olimpico come gli altri, senza malinconia». Lo ha detto Federica Pellegrini a margine della consegna dei Collari d'oro al Coni. «Io mi diverto quando vado forte. Per essere sicuri di raggiungere l'obiettivo bisognerà nuotare forte e il tempo più o meno lo sappiamo, è logico che ogni anno puntiamo ad un tempo e cerchiamo di programmare gli allenamenti per farlo».

Su Tokyo dice: «Il pass olimpico è vicino, a marzo ci sarà la mia chiamata olimpica, poi incrociamo le dita. Lavoriamo. Quest'anno per me è stato incredibile. Vincere il Mondiale in casa, a Roma, nel 2009 è stato incredibile, ma avevo vent'anni. Rivincerlo a 31 non era scontato ed è stato più complicato. Ha avuto un significato diverso».

Tokyo la mia quinta olimpiade

L'olimpionica veneta ha ancora molto da dare in vasca nonostante abbia vinto praticamente tutto: «Se mi sento appagata? Lo sono anche adesso. So che quella di Tokyo, se arriverà, sarà la mia quinta Olimpiade. Penso di aver fatto quel che potevo per me stessa e il mio sport e potrò chiudere la mia carriera in pace».

Infine, una battuta, 'stimolata' da Aldo Montano: «I Giochi di Parigi? Ci ho pensato quando visto che Roma organizzerà gli Europei nel 2022, ma con Giovanni (Malagò, ndr) poi sarebbe un disastro...».