23 agosto 2019
Aggiornato 06:30

Larissa come mamma Fiona May, oro nel lungo agli europei under 20

La 17enne azzurra trionfa in Svezia con la misura di 6,58 salendo sul podio della stessa manifestazione che la mamma aveva vinto nel 1987 a Birmingham con la maglia della Gran Bretagna

Larissa Iapichino, oro nel salto in lungo agli europei under 20
Larissa Iapichino, oro nel salto in lungo agli europei under 20 ANSA

BORAS - Straordinario successo a Boras: a 17 anni Larissa Iapichino è la campionessa europea under 20 del salto in lungo. Finale stupenda, un botta e risposta continuo tra l'azzurra che trionfa con 6,58 (+1.2), la svedese Tilde Johansson (6,52) e la britannica Holly Mills (6,50). Larissa Iapichino è medaglia d'oro della stessa manifestazione che mamma Fiona May aveva vinto nel 1987 a Birmingham con la maglia della Gran Bretagna.

Quarto oro azzurro nella rassegna continentale

Tutta in crescita la gara dell'azzurra doppia figlia d'arte (papà l'ex astista Gianni) che inizia con 5,93 sotto la pioggia. Poi si apre il cielo e arrivano 6,37, 6,33, 6,51, 6,58 e il 6,53 finale. È il quarto oro azzurro nella rassegna continentale in Svezia, eguagliato il record storico di San Sebastian 1993, nella mattinata in cui l'Italia festeggia anche per l'argento di Riccardo Orsoni nei 10.000 di marcia e il bronzo di Elisa Ducoli nei 3000 per un bilancio provvisorio di otto medaglie (4 ori, 1 argento, 3 bronzi).

Larissa: «Un oro da brividi»

Arrivata a Boras «soprattutto per fare esperienza» Larissa si gode un oro che definisce «pazzesco, da brividi». Eppure «mi sembrava una giornata no, al primo salto, col vento contro e la pioggia, ero impanicata e non riuscivo a saltare - ha detto al sito della Fidal -. Poi mi sono detta: è un europeo, cerca di fare il tuo meglio. Ora questa vittoria significa tantissimo, le mie avversarie sono quotatissime, è stato uno shock». Per la gioia di mamma Fiona: «C'erano tutti i miei compagni a darmi la carica, poi mio padre, mia madre e mia sorella. E' stato veramente bello».