28 giugno 2017
Aggiornato 16:00
Calcio

Cremonese su Gilardino, lui prende tempo e sogna il grande ritorno..

La neopromossa formazione lombarda tenta il grande colpo per stupire anche in serie B. Il biennale proposto all'ex centravanti del Milan è allettante, ma il calciatore lascia tutto in standby perchè attratto da un'operazione romantica

Alberto Gilardino, 35 anni il prossimo luglio
Alberto Gilardino, 35 anni il prossimo luglio (ANSA)

CREMONA - La Cremonese sogna Alberto Gilardino, anzi, più che sognarlo lo ha realmente contattato offrendogli un biennale per rilanciarsi dopo la disastrosa annata fra Empoli e Pescara, nella quale l'ex milanista non è mai andato in gol collezionando, a conti fatti, una doppia retrocessione in serie B, quella stessa serie B da cui il centravanti di Biella classe 1982 potrebbe ripartire, perchè la dirigenza grigiorossa lo vorrebbe e lo vorrebbe sul serio, mettendo sul piatto due anni di contratto e la possibilità di essere la sorpresa del torneo cadetto grazie alla ritrovata vena del bomber piemontese. E Gilardino che ne pensa? Al calciatore l'ipotesi piace e l'idea della B non lo spaventa: a 35 anni vuole rimettersi in gioco e meglio la seconda serie di un ritorno in Cina o un'avventura negli Stati Uniti; ma c'è un però, perchè, senza nulla togliere alla Cremonese, il grande obiettivo di Gilardino è quello di chiudere la carriera a Parma, laddove forse tutto è cominciato, laddove si è affermato ed è esploso definitivamente dopo gli esordi di Piacenza e lo svezzamento di Verona. Per questo motivo l'attaccante ha chiesto alla Cremonese di pazientare fino a sabato, giorno in cui proprio il Parma si giocherà la promozione in serie B nella finale playoff contro l'Alessandria; qualora gli emiliani dovessero centrare l'obiettivo, Gilardino spingerebbe per un ritorno in gialloblu, mentre in caso contrario accetterebbe la proposta della Cremonese, i cui tifosi, a questo punto, dopo l'entusiasmante testa a testa in campionato proprio contro l'Alessandria si ritrovano costretti a tifare per i grigi per non veder sfumare il sogno di giocare la serie B con un bomber di razza campione d'Europa e del mondo.