3 dicembre 2020
Aggiornato 02:00
Calcio

Benevento nella storia: serie A e record assoluto

La compagine campana riesce nell'incredibile impresa di centrare la promozione in massima serie al primo anno assoluto in B. Merito di una società organizzata e di un allenatore serio, capace e preparato

BENEVENTO - In appena 365 giorni Benevento riesce a gioire due volte per un'anteprima assoluta: un anno fa la città campana festeggiava il primo storico approdo in serie B, oggi riecco lo stadio Vigorito colmo di passione e di gioia per la promozione dei giallorossi in serie A dopo la doppia finale playoff vinta contro il Carpi (0-0 in Emilia, 1-0 in Campania con gol dell'attaccante rumeno George Puscas). Un'impresa storica per l'intero calcio italiano che accoglie una nuova città nella massima serie, ma soprattutto celebra qualcosa di inedito, ovvero una formazione in grado di centrare la serie A al primo anno assoluto in B; merito di una società ben organizzata col presidente Vigorito (che si chiama come lo stadio cittadino) che ha in due anni allestito due organici competitivi che hanno messo in riga anche rivali più blasonate ed accreditate, il Lecce lo scorso anno, il Perugia e il Carpi nei playoff di questa stagione. Bravissimo anche l'allenatore, l'ex difensore del Napoli Marco Baroni, che dopo le ottime esperienze a Lanciano, Pescara e Novara, ha compiuto il suo capolavoro portando il Benevento in Paradiso, nonostante fosse una matricola, nonostante lo scetticismo dei soloni del calcio, nonostante l'inesperienza. Benevento in serie A: la conferma che nel pallone, oggi più di ieri, una società organizzata, consapevole, competente e capace fa la differenza.