20 novembre 2019
Aggiornato 23:00

Furio Fedele e Collovati: “Deulofeu e nessun altro per il Milan”

Il futuro dello spagnolo tiene ancora banco in vista della prossima stagione e del suo probabile ritorno al Barcellona

Gerard Deulofeu, attaccante del Milan dallo scorso gennaio
Gerard Deulofeu, attaccante del Milan dallo scorso gennaio ANSA

MILANO - Gerard Deulofeu è la grande rivelazione della seconda parte di stagione del Milan, una rivelazione forse inattesa, ma certamente gradita. Il talento spagnolo, opaco all’Everton, è sbocciato nuovamente in rossonero grazie al 4-3-3 di Vincenzo Montella che sembra calzargli a pennello; ma il suo futuro è in bilico, anzi, il suo futuro sembra fortemente indirizzato verso un ritorno al Barcellona, la squadra che, esercitando il diritto di riacquisto, può riportarlo in Spagna quando vuole e poi decidere se tenerselo o rivenderlo al miglior offerente. Cosa deve fare il Milan a quel punto? Spendere parte del budget estivo di mercato nel tentativo di riportare in Italia Deulofeu, oppure spendere il danaro in altro modo? Sembrano non avere dubbi a riguardo né Furio Fedele, noto giornalista esperto di Milan, e né Fulvio Collovati, ex difensore rossonero: «Deulofeu sembra perfetto per il Milan - afferma Fedele - e se fossi la dirigenza io farei di tutto per ricomprarlo, anche a costo di svenarmi; direi anche che il Milan farebbe bene ad utilizzare i soldi che vuol dare alla Lazio per l’acquisto di Keita, per Deulofeu che trovo più congeniale al gioco milanista rispetto al senegalese». Gli fa eco Collovati che afferma: «Deulofeu mi ha sorpreso, è un calciatore fenomenale, il Milan dovrebbe far di tutto e di più per trattenerlo, anche a costo di tirar fuori parecchi soldi col Barcellona». Un calciatore rinato e ritrovato, rilanciato e rinvigorito da Vincenzo Montella, un allenatore preparato tatticamente e bravo nelle relazioni coi calciatori e col gruppo, il vero fuoriclasse del Milan, pronto ad affrontare la prossima stagione al timone di una squadra finalmente competitiva.