10 luglio 2020
Aggiornato 07:00
Calcio

Marocchi: “Il Milan ha smesso di essere fortunato ed ha iniziato a perdere”

Cinica analisi dell’ex calciatore sul rendimento della squadra di Montella, passata dalla lotta per il terzo posto ai margini della zona Uefa

MILANO - L’unica gioia in campionato del 2017 per ora al Milan l’ha portata la zampata di Carlos Bacca a ridosso del 90’ di Milan-Cagliari, mentre per il resto solo delusioni col pareggio di Torino e le sconfitte contro Napoli e Udinese che hanno tagliato fuori i rossoneri dalla lotta con Roma e Napoli per il terzo posto e ne stanno mettendo a rischio anche quella per la qualificazione in Coppa Uefa con Atalanta, Lazio e Fiorentina agguerrite e con l’Inter autrice di una rimonta a tutta velocità che ha portato i nerazzurri al quarto posto della classifica. Un Milan involuto ed intimidito, ma anche sfortunato, come riconosce, seppur con un pizzico di cinismo, anche Giancarlo Marocchi, ex centrocampista di Juventus, Bologna e nazionale italiana, oggi commentatore televisivo per Sky Sport: «Montella non lo ammette, ma sa benissimo che nella prima parte di stagione la sua squadra è stata anche fortunata  - sostiene Marocchi - e quindi ha apportato delle modifiche tattiche per proseguire il suo percorso anche ora che la dea bendata ha voltato le spalle al Milan e i rossoneri hanno iniziato a perdere. Montella è veramente bravo, ma l’organico a sua disposizione è quello che è». Un organico da Coppa Uefa e infatti il Milan per quella lotta, con buona pace di illusi che avevano iniziato a fare voli pindarici puntualmente spezzati dalla dura ed evidente realtà.