15 dicembre 2019
Aggiornato 13:30

Serginho sulla Supercoppa: “L’uomo decisivo sarà Suso”

L’ex terzino rossonero è fiducioso in vista della finale di venerdì fra la sua vecchia squadra e la Juventus

MILANO - Ci siamo, ormai Juventus-Milan è alle porte, la Supercoppa Italiana sta per assegnarsi e i tifosi milanisti fremono per riportare a casa un trofeo dopo cinque anni e mezzo (curiosamente proprio la stessa Supercoppa, vinta nell’agosto 2011 contro l’Inter). I bianconeri sono i dovuti favoriti, dominano il campionato da cinque stagioni e anche quest’anno stanno stracciando gli avversari partita dopo partita; eppure il Milan di Montella è lì, la squadra rossonera e i suoi giovani stanno disputando un campionato eccellente nonostante un organico non di prim’ordine, e nella sfida di serie A dello scorso 22 ottobre un eurogol di Locatelli ha già abbattuto la resistenza dello squadrone di Allegri, ex di turno. Pronostico non chiuso, dunque, come conferma anche Serginho, ex calciatore brasiliano del Milan dal 1999 al 2008 ed oggi osservatore dei rossoneri in Brasile: «Sarà difficile per il Milan contro la Juve - riconosce l’ex calciatore - perché i bianconeri sono fortissimi, però nulla è perduto in partenza, la squadra di Montella è in netta crescita, a mio avviso ha giocato bene anche contro Roma ed Atalanta, penso che possa portare a casa la coppa. L’uomo determinante può essere Suso, la sua carriera è ad una svolta, lui è in gran forma e in finale può fare la differenza». La stessa vista nel derby contro l’Inter: in quell’occasione lo spagnolo fu davvero devastante, Montella e i milanisti si augurano un bis.