18 agosto 2019
Aggiornato 09:00

Saudati avverte il Milan: “Ad Empoli non sarà facile”

L’ex attaccante rossonero, vecchia conoscenza anche dei toscani, ammonisce la squadra di Montella: guai a prendere sottogamba gli uomini di Martusciello

MILANO - Dopo la mezza beffa del derby, col pareggio interista incassato al 92’, il Milan pensa alla prossima giornata di campionato che giocherà ad Empoli sabato sera alle ore 20:45. Sulla carta la gara ideale per riprendere a vincere: i toscani sono al quart’ultimo posto della classifica con un attacco sterile ed una difesa penetrabile che giusto domenica scorsa ha incassato 4 reti dalla Fiorentina; buon per gli empolesi che Pescara, Palermo e Crotone abbiano dimostrato sinora di non poter competere per la salvezza, lasciando così qualche speranza ad un Empoli che sembra davvero la copia sbiadita della bella compagine ammirata con Sarri prima e con Giampaolo dopo.

I rischi

Tutto facile per il Milan, quindi? No, le insidie ci sono e le illustra Luca Saudati, doppio ex della partita, ex attaccante cresciuto nel settore giovanile rossonero e sbocciato poi (in due periodi diversi) proprio ad Empoli: «Penso che la gara di sabato sarà tosta per il Milan - sostiene l’ex centravanti anche dell’Atalanta - anche perché negli ultimi anni ad Empoli ha sempre faticato. Inoltre l’Empoli farà di tutto per portare a casa qualche punto, ne ha bisogno per il morale e per la classifica. Se il Milan snobba la partita rischia di ritrovarsi in grossi guai, magari perdendo anche contro i toscani; i rossoneri dovranno invece metterci la stessa concentrazione avuta contro l’Inter, solo così potranno uscire vittoriosi dal Castellani».